Pagelle - Theo da impazzire. Calha sontuoso e decisivo. Finalmente Ante

23.12.2020 23:09 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di DANIELE MASCOLO
Pagelle - Theo da impazzire. Calha sontuoso e decisivo. Finalmente Ante

Queste le pagelle di Milan-Lazio 3-2:

G. Donnarumma 7: para il rigore a Immobile come solo un campione può fare. Sui gol non può nulla, ma ancora una volta è l’altoparlante della squadra e tiene tutti sulla corda.

Calabria 6: è una gara di sofferenza, perché la Lazio gioca tanto sugli esterni e Marusic scende spesso e volentieri. Lui si mette al servizio della squadra e aiuta anche Kalulu cercando di raddoppiare su Immobile.

Kalulu 5: due errori, decisivi, perché al netto di tutte le interpretazioni sul rigore concesso alla Lazio, perde Immobile sul gol del 2-2. Fa vedere altre cose interessanti e utili, ma le imprecisioni oggi hanno pesato.

Romagnoli 6.5: prova di maturità di Alessio, che bada tantissimo al sodo e non molla un secondo la presa a livello mentale. Decisiva una sua chiusura nel finale di gara a stoppare un contropiede laziale che poteva essere letale.

Theo Hernandez 8: da che pianeta sei arrivato? Secondo gol consecutivo di testa, nella porta sotto la Sud, a regalare una vittoria da grande squadra ad un Milan incerottato e del quale è diventato un leader totale, sia tecnico sia carismatico. Blindatelo, perché vale 100 milioni.

Krunic 5: non convince per nulla, sembra quasi che giochi con il braccino e legge male diverse soluzioni. Non è un centrocampista centrale, forse l’errore con il Celtic lo ha condizionato, ma dentro questo Milan serve essere cattivi.

Tonali 6: in mezzo a mille difficoltà e non al top della condizione, stringe i denti e si sbatte finché ha lucidità. Bella una chiusura a evitare che Immobile batta a rete e tanta volontà nel finale.

Saelemaekers 5.5: parte fortissimo, poi si innervosisce perché non gli riesce quasi nulla, soprattutto nel secondo tempo. Infatti Pioli lo toglie. (dal 64’ Castillejo 5.5: dovrebbe dare brio alla squadra per ripartire veloce. Non è così ed esce nel finale. Dal 91’ Maldini sv).

Calhanoglu 7.5: due angoli battuti alla perfezione, due gol di testa. Un rigore calciato perfettamente e un sacrificio totale alla causa della squadra. Si fa dare sempre il pallone, cerca le sponde per chiudere i triangoli con i compagni e fa tanto, ma tanto lavoro sporco.

Rebic 7: stappa la partita di testa e si toglie la polvere dalle spalle. Sta tornando quello di prima, ma lascia giù due occasioni interessanti a tu per tu con Reina. Questa volta Pioli lo tiene dentro e ha ragione perché fa comunque densità in area di rigore.

Leao 5: domenica ne avevamo esaltato la prova matura, oggi non becca un canale. Vero è che non riesce mai a partire fronte alla porta per liberare i cavalli del suo motore. (dal 79’ Hauge sv).

All. Pioli 7: azzecca le mosse, non si attacca agli alibi pur avendone diritto. Chiude da imbattuto il 2020 e fa veleggiare il Milan in vetta alla classifica. È il giusto capitano di vascello di un gruppo che sta facendo qualcosa di strepitoso.