Bennacer: "Ibrahimovic cerca di portarci ai massimi livelli. Pioli ci è sempre vicino"

11.02.2021 12:00 di Antonio Tiziano Palmieri   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Bennacer: "Ibrahimovic cerca di portarci ai massimi livelli. Pioli ci è sempre vicino"

Il centrocampista del Milan, Ismael Bennacer, ha rilasciato un’intervista all’agenzia francese AFP in cui ha parlato in lungo e in largo del suo club. Ecco tutte le dichiarazioni rilasciate da Bennacer.

Su Ibrahimovic: “Zlatan raramente si tira indietro quando deve spronare i suoi giovani compagni di squadra del Milan. Anche se a volte vediamo che urla in campo, è meglio rispetto se non dicesse niente, perché significherebbe che non gli importa ciò che stiamo facendo in quel momento. Lui è uno che ci porta tanto. Con tutta l'esperienza che ha acquisito, cerca di portarci ai massimi livelli, cercando sempre la perfezione. Ci dà molti consigli. Ibrahimovic è diventato un portabandiera di una nuova generazione di giovani talenti”.

Su cosa è cambiato dopo la sconfitta per 5-0 contro l’Atalanta di fine 2019: “Dopo quella sconfitta, c'è stata molta ricerca dell'anima dentro noi stessi e ne siamo venuti fuori”.

Su Pioli: “Il mister sa come gestire il gruppo, ci è vicino, ci chiede sempre se siamo stanchi, se stiamo bene e così via. Ha portato quello spirito di squadra di cui forse non avevamo abbastanza prima, e ci ha insegnato come indossare questa maglia. È una bella sensazione questa”.

Sull’attuale primo posto del Milan in classifica: “Se non facciamo qualcosa quest'anno, tutto quello che abbiamo fatto prima, da marzo in poi, sarà dimenticato. Dobbiamo, per noi stessi, cercare di fare del Milan il grande club che era. Tutto questo anche per i tifosi perché è molto noioso giocare a porte chiuse. Non ci sono fisicamente, ma ci seguono. Dobbiamo dare tutto anche per loro”.

Sull’infortunio al bicipite femorale che lo ha tenuto fuori per un mese e mezzo: “È il primo infortunio che mi ha tenuto fuori dal campo per così tanto tempo, ma ho un buon feeling con i recuperi”.

Sui meno cartellini gialli ricevuti in questa stagione rispetto alla passata: “Lavoro molto sui miei difetti. Ero un po’ troppo aggressivo, non pensavo. Sotto la guida di Ibrahimovic, ho imparato velocemente”.