Ibrahimovic: "Giocherò finché non vedrò qualcuno più bravo di me... quindi gioco ancora"

25.03.2022 18:00 di Manuel Del Vecchio Twitter:    vedi letture
Fonte: uefa.com
Ibrahimovic: "Giocherò finché non vedrò qualcuno più bravo di me... quindi gioco ancora"
MilanNews.it
© foto di Image Sport

Nei giorni scorsi Zlatan Ibrahimovic, fuoriclasse del Milan, è stato ospite della Ferrari a Maranello e ha avuto l'opportunità di guidare una auto del Cavallino Rampante sul circuito modenese.
In quest’occasione lo svedese, evidentemente divertito dall’esperienza su pista, ha rilasciato un’intervista al sito ufficiale della UEFA (qui il pezzo integrale con video dell'evento). Queste le sue dichiarazioni:

Sulle supercar: “La mia passione per le auto non è un segreto. Non ho delle auto perché ho bisogno di mostrare a tutti di averle".

Gli inizi della sua carriera: “Sono cresciuto a Malmö, in un piccolo quartiere chiamato Rosengård, e ci sono rimasto fino a 17 anni. Ero molto vivace. La gente lo chiama "ghetto", ma per era un paradiso perché avevo tutto quello che volevo. Avevo amici, mi divertivo. Avevamo il calcio, che rendeva la gente felice e costava poco, anzi era gratis. Bastava un paio di scarpe, ma si poteva anche giocare senza. Da lì è stato un crescendo”.

Il primo contratto con il Malmö: “Quando ho firmato il mio primo contratto [con il Malmö FF], improvvisamente ho iniziato a guadagnare soldi facendo ciò che mi piaceva. Il denaro non mi ha reso felice, ma mi ha semplificato le cose. Prima camminavo molto per andare ad allenarmi, oppure rubavo una bici (lo so che non va bene, ma tutti facciamo stupidate); poi sono riuscito a prendere la patente e la macchina”.

I suoi idoli nello sport da bambino: “Mio padre mi faceva vedere spesso Muhammad Ali in TV. Mi piaceva quel carattere. Lui era un fuoriclasse a parole ma lo era anche sul ring. Non parlava perché era presuntuoso, ma perché era sicuro di sé; anch'io sono così. Per me il miglior giocatore della storia è Ronaldo "il Fenomeno". L'ho seguito e l'ho ammirato. Ha fatto cose che tutti volevano fare, cose che non si erano mai viste prima, e tutti hanno cercato di copiarlo. Quando andavamo a giocare al parco con gli amici, cercavamo tutti di fare le stesse cose. Poi l'ho conosciuto davvero e ho giocato contro di lui - purtroppo mai con lui - e improvvisamente tutto quello che era irreale è diventato reale”.

Il suo modo di essere: “Qualunque cosa mi accada – successo, denaro, fama, ecc. – sarò sempre lo stesso e non cambierò. O piaccio o non piaccio, ma non sono nato per convincere la gente”.

Il suo ritorno al Milan e giocare ad alti livelli anche a 40 anni: “Gioco con molta emozione perché è un club che mi ha dato la felicità, mi ha dato tanto e penso di aver trascorso più anni qui che in tutti i club che ho rappresentato. È stato bello tornare in UEFA Champions League. Dopo aver sfiorato la qualificazione per un paio d'anni, tutti erano molto contenti di tornare”.

Una battuta insieme a Leclerc sul suo momento in rossonero: "Adesso non sono io che rincorro il pallone, ma viceversa. C'è tanta competizione in squadra? In realtà no, non ci sono giocatori con un grande ego".

Sulla Champions League: “È un torneo fantastico. Ho segnato alcuni gol che mi sono piaciuti molto e ho avuto l'opportunità di affrontare le migliori squadre e i migliori giocatori d'Europa. Come mi sento a non averla mai vinta? In due modi: vincerla sarebbe fantastico, non vincerla non mi cambierebbe come giocatore. Vincerla non significherebbe essere un giocatore migliore, perché sono già il migliore, ed è stato dimostrato che il migliore (Ronaldo Nazario, ndr) non vince tutto”.

Sul futuro: “Il futuro deve ancora essere scritto, non faccio programmi e vediamo cosa succede. Non ritirarmi e poi dire che avrei potuto continuare, perché me ne pentirei per il resto della vita. Voglio giocare il più a lungo possibile. La realtà è che giocherò finché non vedrò qualcuno più bravo di me, quindi gioco ancora. So che un giorno mi fermerò e che non avrò più quell'adrenalina. È un problema per ogni giocatore, perché giochi a calcio per avere adrenalina e non puoi fare nient'altro perché siamo programmati così. Ogni giorno facciamo la stessa cosa. Ci svegliamo, ci prepariamo, ci alleniamo, mangiamo e ci riposiamo. Il giorno dopo è uguale. Fai queste cose per 20 anni e in cambio ricevi adrenalina. Quando improvvisamente ti fermi viene a mancare tutto, allora devi ricominciare da zero e iniziare qualcosa di nuovo”.

Che consigli daresti ai giovani? “Si dice sempre "Che consiglio daresti a un bambino?" e di solito la risposta è "Credi in te stesso, sii felice e non mollare mai", o qualcosa di simile. È facile dirlo, ma farlo è la parte più difficile. Circondarsi di persone positive, di energia positiva, aiuta molto perché rende le cose più facili. Quando hai persone negative intorno a te, ti trascinano giù. È come se non volessero che tu abbia successo. Quindi il mio consiglio è: "È facile e tutto è possibile, ma dipende da te".