Il curioso caso di Sandro Tonali: da titolare a desaparecido, ma il riscatto non è in discussione

20.05.2021 14:00 di Gianluigi Torre Twitter:    vedi letture
Il curioso caso di Sandro Tonali: da titolare a desaparecido, ma il riscatto non è in discussione
MilanNews.it
© foto di PhotoViews

Che fine ha fatto Sandro Tonali? Il centrocampista rossonero dopo un periodo da titolarissimo, dovuto anche all’indisponibilità di Ismael Bennacer, è tornato a sedersi regolarmente in panchina. In molte occasioni, soprattutto da gennaio in poi, l’allenatore rossonero ha preferito schierare in mediana i due colossi Kessiè e Meite, anche lui in prestito come Tonali. L’ex Brescia non ha mai convinto del tutto mister Pioli e non è mai risultato decisivo in termini di gol e assist: nonostante le 25 presenze in campionato, le 11 in Europa League e una in Coppa Italia, il classe ’00 non è mai riuscire a portare dei bonus, per usare un termine fantacalcistico.

STAFFETTA CON MEITE -  Da quando Bennacer è tornato regolarmente dal primo minuto, Sandro ha visto pochissimo campo, tant’è che nelle ultime otto partite in cui il centrocampista rossonero è stato convocato è partito dalla panchina in tutte le occasioni, collezionando solamente 83 minuti. Addirittura in tre match diversi Tonali non è mai entrato in campo. Una gestione che lascia molti dubbi, soprattutto perché molte volte, a lui, è stato preferito Soualiho Meite. Il centrocampista francese è arrivato con grande ambizione, parlando di scudetto, superando il nativo di Lodi nelle gerarchie, anche se le prestazioni viste finora non sono state superiori a quelle di Tonali. 

E IL RISCATTO... - La dirigenza rossonero è contenta del rendimento in questa prima stagione in rossonero di Tonali, convinta del fatto che Sandro deve ancora esprimere al massimo tutte le proprie qualità. Ecco perché il riscatto dal Brescia sembra non essere in discussione. Il centrocampista classe '00, arrivato al Milan con la formula del prestito oneroso di 10 milioni con diritto di ricatto a 15 e l'inserimento di diversi bonus, rimarrà, con molta probabilità, anche il prossimo anno.