L'intervista completa al padre di Leao: "Rinnovo col Milan o Chelsea? Stiamo trattando, fino al 2024... Processo Sporting: abbiamo ragione noi"

15.11.2022 17:30 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
L'intervista completa al padre di Leao: "Rinnovo col Milan o Chelsea? Stiamo trattando, fino al 2024... Processo Sporting: abbiamo ragione noi"

Antonio Leao, padre del calciatore del Milan Rafael, ha rilasciato un'intervista a Record, nota testata sportiva portoghese, tradotta da MilanNews dalla versione originale e riportata di seguito integralmente dopo la dichiarazione già pubblicata in mattinata.

Questa convocazione per il Mondiale in Qatar è la prova che tutto il percorso fatto da Rafael Leão è valso la pena?

"Sì, in un modo o nell'altro – non sono qui per parlare del passato turbolento che abbiamo avuto – ma sì. In un certo senso ne è valsa la pena! È cresciuto, ha imparato, ha sofferto e oggi è lì al Mondiale!".

Cosa è cambiato dal piccolo Rafael Leão, tre o quattro anni fa, al grande Rafael Leão, che oggi sembra essere un punto fermo per la nazionale?

"È cresciuto difendendo il talento che hai sempre avuto. Ha lottato per realizzare il suo sogno. Ha lavorato fino ad oggi ed è riuscito a realizzare il suo sogno. Semplice".

Se non avesse lasciato il Portogallo, avrebbe raggiunto questo livello?

"No, non era necessario partire. Le cose accadono e basta. E nella sua vita sono accadute. Non era una preferenza andar via. È stato un periodo turbolento, ma sono successe delle cose... Dio mi ha guidato, era con me. Ho sbagliato? Ho fatto quello che ho fatto. [Dicono]: ‘Che padre ha? Povero ragazzo, si perderà!!!' Ma oggi Rafael è dov'è e nessun giornalista mi si è mai presentato dicendo: 'Che padre fantastico che ha! Stava per perdersi, ha accanto un grande uomo!”. Perché ero sempre con mio figlio. Avevamo il problema che avevamo (che non voglio menzionare), ma io ero sempre al fianco di mio figlio".

La domanda è soggettiva, ma, con un altro padre, con un altro percorso, ai Mondiali in Qatar ci sarebbe anche Rafael?

"Un altro percorso... Non posso rispondere, perché... non è stato percorso. Questo è il percorso che ha fatto... e lo ha portato ai Mondiali".

Percorsi a parte, i problemi inerenti alle decisioni prese. Sentenza dei tribunali, che prevedono il pagamento di un cospicuo compenso allo Sporting. Come ha fatto Rafael a restare fuori da tutto questo, raggiungere la Nazionale ed essere, la scorsa stagione, il miglior giocatore della Serie A italiana?

"Molto rapidamente: i problemi dei tribunali sono degli avvocati e dei giudici che li risolvono. Rafael non è un bambino abbandonato. Rafael Leão ha una famiglia. Vive su consiglio di suo padre, madre, zio, famiglia. Questo problema dei tribunali è dei genitori. Il problema con il calcio è suo. E Rafael risponde sui campi di calcio. I tribunali decidono"

Ma non hai mai pensato che questa situazione vi colpisse in qualche modo? Hai mai pensato che una scossa più forte potesse arrivare e spingervi fuori strada?

"No, perché abbiamo ragione e lo stesso Rafael sa che abbiamo ragione. Quello che sta accadendo nei tribunali lo stanno inventando le persone. Noi abbiamo ragione. Ecco perché Rafael sta lavorando normalmente, senza problemi. Lo psicologo di Rafael si chiama António Leão. Lo consiglio, gli parlo, lo aiuto a stare dov'è. E starà ancora meglio. Il problema dello Sporting non è Rafael che lo risolve. Chi risolverà il problema dello Sporting sono i tribunali, i giudici, ma questa è una questione su cui non voglio soffermarmi".

Le ultime notizie parlano di un rinnovo con il Milan o di un interessamento del Chelsea e che tutto dipende dalla risoluzione del processo con lo Sporting.... È così?

"La risposta è: ci stiamo lavorando!".

Questo che significa? Che rinnova con il Milan o che va al Chelsea?

"Stiamo trattando, perché Rafael Leão ha un contratto che scade nel 2024. Fino a quella data, stiamo trattando su tutto. Senza Chelsea, senza Barcellona, ​​senza Real Madrid, ci stiamo occupando di questo".

La volontà di Rafa è di restare in Italia o lasciare il Milan dopo il 2024?

"Lui adora stare in Italia. Ha una predilezione per gli italiani, quella che i portoghesi non hanno per lui. Ha vinto il premio di miglior giocatore della scorsa Serie A non perché fosse bello, ma semplicemente... perché è il migliore".

Cosa deve fare Leao al Mondiale?

"Quello che deve fare Rafael in Qatar è quello che ha sempre fatto al Milan. E farlo meglio. Deve fare quello che ha sempre fatto fin da piccolo, lasciare il suo profumo in campo. Ha un profumo e lo lascia nel campo. Aiutare la Nazionale, vincere, lavorare sodo, come hai sempre fatto. Lavorerà sodo. Dico sempre a mio figlio: 'Per due minuti, cinque, dieci, qualunque cosa ti dia il mister, fai del tuo meglio, perché un buon giocatore segna un gol in due minuti'. E ha già segnato. Pertanto, ho fiducia in mio figlio. Ho piena fiducia che giocherà in Qatar. Sempre che il mister te la dia. Nel tempo che gli sarà dato, si divertirà".