La gemma di Bergamo sta sbiadendo pian piano: Calhanoglu nuovamente appannato ma Paquetà potrebbe riaccenderlo

22.04.2019 18:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
La gemma di Bergamo sta sbiadendo pian piano: Calhanoglu nuovamente appannato ma Paquetà potrebbe riaccenderlo

L'anno scorso, dopo una prima parte di stagione in ombra, Hakan Calhanoglu si era reso protagonista di un ottimo girone di ritorno, facendo ben sperare in vista di quella che sarebbe stata l'annata successiva. Il 2018/19 è iniziato sulla falsariga del precedente, salvo mutare più o meno nello stesso periodo: tra fine dicembre e gennaio. Il turco sembrava aver recuperato la brillantezza passata, salvo poi ricascare in prestazioni sì sufficienti ma lontane da quelle che ci si aspetterebbe da un numero 10.

DA BERGAMO IN POI - L'apice è arrivato lo scorso 16 febbraio, quando l'ex Bayer Leverkusen ha sostanzialmente deciso lo scontro diretto di Bergamo con l'Atalanta, segnando una splendida rete e servendo un assist a Piatek, autore di una doppietta. Se il classe '94 avesse mantenuto quel rendimento il Milan sarebbe già comodamente qualificato alla prossima Champions, ma così non è stato: le prove del turco sono pian piano calate, caratterizzandosi soprattutto da una scarsa incisività dal punto di vista offensivo.

IL RITORNO DI PAQUETA' PER SPERARE - Viste le difficoltà è comprensibile che Gattuso abbia scelto di arretrare nuovamente Calhanoglu nel ruolo di mezz'ala, sfruttandolo in una zona nevralgica viste le difficoltà a fare la differenza dalla metà campo in su. Eppure, a livello di tiro e di colpi, Hakan è uno dei giocatori più bravi all'interno della rosa milanista: colpi che chiaramente mancano, ma che nessuno al posto suo è riuscito ad offrire. Col ritorno di Paquetà, tuttavia, le cose potrebbero migliorare: il venticinquenne di Mannheim ha sfoderato le prestazioni più belle proprio agendo insieme al brasiliano. Non è un caso che i problemi siano tornati quando il verdero ha rallentato prima e si è infortunato poi. Chissà che col ritorno dell'ex Flamengo non possa riaccendersi  anche lo stesso calciatore turco.