Maldini a So Foot: "Il Milan è e sarà sempre la mia passione. Quando questo club chiama i giocatori iniziano a sognare"

11.03.2021 12:33 di Enrico Ferrazzi Twitter:    vedi letture
Maldini a So Foot: "Il Milan è e sarà sempre la mia passione. Quando questo club chiama i giocatori iniziano a sognare"
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Paolo Maldini, dt rossonero, ha rilasciato una lunga intervista a So Foot. Ecco le sue parole: 

Sul Milan: "In nessun momento ho pensato che il club potesse morire o che potesse scomparire. A tutti sono note le difficoltà degli ultimi anni dell'era Berlusconi o legate al passaggio di proprietà cinese nel 2017. Il Fondo Elliott è arrivato proprio a causa di queste difficoltà. E quando è diventato chiaro che il Fondo Elliott poteva possedere il Milan, sono stato contattato da Leonardo nell'estate del 2018". 

Sugli ultimi anni del Milan: "Da quando ho smesso di giocare, siamo comunque riusciti a vincere uno scudetto e abbiamo partecipato più volte alla Champions League. C'è stato un cambio generazionale molto significativo dal 2009, soprattutto dal 2011 al 2012, quando i calciatori che facevano parte di questo club hanno interrotto la loro carriera o se ne sono andati. Se non prevedi il futuro con questo cambio generazionale, allora è difficile avere risultati sportivi. Chi arriva subito dopo non riesce a fare bene come dovrebbe. C'era forse l'idea che chi entrava potesse tenere in alto il Milan, ma purtroppo non è andata così. Devi pianificare e pianificare costantemente. Poi c'è stata una campagna acquisti molto costosa, ma tutto si è fermato in diciotto mesi. Ciò che rende grande un club è senza dubbio la stabilità: stabilità di gestione, stabilità di squadra. E devo dire che negli ultimi anni di presidenza Berlusconi, e anche nell'anno e mezzo in cui c'era il proprietario cinese a capo del club, non c'è stata questa stabilità". 

Sul ritorno nel club rossonero: "Non ho mai considerato il mio ritorno obbligatorio, né ho mai ritenuto obbligatorio che le persone che lavorano nel club mi chiamassero. Semplicemente perché ho fatto carriera fino al 2009, poi ho vissuto altre cose, perché la vita mi ha regalato nuove esperienze, a volte lontane dal calcio, e quindi non è come se vedessi questa esperienza come necessaria. Certo, il Milan è e sarà sempre la mia passione, come il calcio. Se un giorno la possibilità esisteva, volevo viverla come attore, volevo viverla recitando un ruolo, rispettando quello che era stato il mio passato all'interno di questo club. Sono stato chiamato quando il club era di proprietà cinese, ma non avevo necessariamente in mente di avere un ruolo operativo all'interno del club". 

Sulla nuova strategia del Milan: "Prima di tutto, quando hai meno tempo di quanto avrebbe potuto avere la prima presidenza Berlusconi, ad esempio, quando non hai molta scelta, devi essere creativo. Io, il primo anno, sono stato chiamato da Leonardo, e avevamo una visione diversa di come doveva essere la squadra. Il primo anno il club ha fatto investimenti importanti, anche se quando si calcolano le entrate e le uscite, la spesa non è stata eccessiva per un club come il Milan. Dopo la partenza di Leo, per necessità economiche - il Milan perdeva e continuava a perdere più di cento milioni all'anno - si imponeva austerità negli acquisti e si era programmato di scommettere sui giovani per avere una squadra più giovane e più competitiva. Certo, le persone che ho scelto di lavorare con me in tutto questo (Zvonimir Boban e Ricky Massara) avevano in mente che lavorare per il Milan significa rispettare quella che è stata la nostra storia. Non possiamo costruire un progetto che non abbia l'idea, per quanto piccola, di essere vincente nel breve periodo. La sfida era quindi quella di tornare competitivi e avere una società finanziariamente virtuosa. E devo dire che oggi abbiamo trovato quell'equilibrio. Il Milan ha abbassato l'età media dei giocatori, è la squadra più giovane d'Italia, una delle squadre più giovani d'Europa. La strada è stata tracciata. In tutto questo, l'esperienza di chi ha giocato serve non a comprare un giocatore solo perché è giovane, ma anche ad essere attento ad avere guide, giocatori più esperti in grado di guidare i più giovani. E questo è fondamentale". 

Sull'appeal del Milan: "Sono molto fortunato, sono un ex giocatore rispettato e vincente. E poi ho la possibilità di lavorare per il Milan. Credimi: il Milan non si qualifica per la Champions League da otto anni, ma quando il Milan chiama, i giocatori di tutto il mondo iniziano a sognare. Certo, guardiamo al futuro, ma il passato, che dobbiamo rispettare, conta e come. Quando ti chiami Milan e chiami un giocatore, sei uno dei tre club di maggior successo al mondo. Dobbiamo sempre ricordarlo". 

Su come convince i giocatori a scegliere il Milan: "È vero che per noi è più difficile portare un giocatore oggi. Economicamente chiediamo ai giocatori che vengono a fare dei sacrifici. I giocatori che vengono qui sono lì perché vogliono davvero esserci. Questi sono giocatori che hanno rinunciato a molti degli stipendi che avevano prima di venire qui. Dobbiamo essere creativi e non possiamo combattere con gli altri club. L'ho sempre detto: il fair play finanziario ha fatto bene al calcio perché c'è meno debito, ma ha allargato il divario tra i grandi club e chi vuole investire e tornare competitivo. Abbiamo un fatturato che è circa un quarto o un quinto dei club vincitori in Europa. Il Milan ha le stesse entrate che aveva nel 2000, giusto per farti capire. Sono passati vent'anni e da allora il mondo è andato in una direzione diversa". 

Sul progetto: "Abbiamo avviato il nostro progetto prima che si verificasse questa pandemia. E ora tante squadre ci stanno guardando: perché il Milan quest'anno? Perché il Milan è riuscito ad essere autosufficiente? Come ha fatto il Milan a ringiovanire la rosa? Credo che siamo presi come esempio di un club virtuoso e vedremo se vinceremo anche in futuro. Per quanto riguarda gli acquisti di giocatori, cerchi di prendere quelli che ritieni più funzionali al tuo progetto, e c'è anche un mercato di persone che lavorano con i club che sono gli scout, gli osservatori, i dirigenti. Spetta alla proprietà e ai dirigenti dei diversi settori scegliere le persone giuste. Credo che il Milan, in Italia senza dubbio e anche in Europa, sia considerato un club virtuoso. Ad oggi il Milan non può permettersi di avere un top player dal punto di vista finanziario. Quando saremo stati in Champions League per quattro o cinque anni di fila allora potremo fare altri sacrifici economici". 

Sulle sue parole sul Milan nel 2014 ("Hanno distrutto il mio Milan"): "Molte volte il titolo di un'intervista non corrisponde esattamente a quello che si dice, ed è quello che mi piace di meno il titolo. Perché ti ricordi cosa? Del titolo, quando c'erano altri concetti all'interno di questa intervista. All'epoca era ancora la presidenza Berlusconi, ma ci stavamo muovendo verso un'idea diversa da quanto fatto negli ultimi vent'anni. C'erano due amministratori delegati (Galliani e Barbara Berlusconi, ndr) e non ha funzionato. Ma se devo parlare della presidenza Berlusconi o di Galliani, posso solo fare i complimenti, perché hanno costruito un club che è stato invidiato da tutti. Poi, visto da fuori - e fa ridere il fatto che io sia considerato fuori dal mondo Milan -, non direi la stessa cosa oggi, perché la mia visione è ovviamente diversa da quella che c'era dieci anni fa". 
Sulla storia del Milan: "Una delle cose che aiuta il progetto, i giocatori e coloro che lavorano all'interno del progetto è dire la verità. E la verità è chiara: sono passati otto anni da quando abbiamo giocato l'ultima Champions League. Dobbiamo prenderne atto. Se avessimo detto: quest'anno vinceremo tutto, se dicessimo ogni anno che vogliamo vincere tutto, sarebbe un errore. Se il piano è provare ad accorciare i tempi per ricostruire un club come questo, ed essere competitivi in ​​due anni, la gente capisce. C'è più comprensione nei confronti dei giocatori, hanno bisogno di tempo. Un anno fa eravamo decimi, fondamentalmente, ed eravamo visti come una squadra perdente. Chi conosce il calcio sa però che c'erano già dei segnali molto positivi. Ovviamente ci vuole tempo. Se cambi strategia ogni anno, diventa difficile, perché fai pressione sui giocatori in particolare, ed è più complicato. I giocatori sono già sotto pressione, sanno che questa maglia, questa storia, San Siro, le persone, ti mettono pressione. Se dai un'idea più precisa dei tempi e di dove vuoi andare, questo può solo aiutare". 

Sugli stadi vuoti: "Se hanno aiutato il Milan? Non lo so. Forse all'inizio, un po' sì, ma  ora siamo la squadra con più punti in campionato da un anno. Nel periodo pre-pandemia abbiamo avuto una media di 55.000 spettatori. Adesso saremmo a 70.000. La pressione può essere davvero forte quando le cose vanno male, ma quando le cose vanno bene San Siro lo stadio pieno ti trascina. È un peccato che le persone non abbiano potuto godere della squadra vivace, frizzante e coraggiosa dell'ultimo anno. Non so come saranno le prossime stagioni. A causa del Covid la situazione non cambia di anno in anno, ma di mese in mese. Speravamo, economicamente e sportivamente, che gli stadi potessero riaprire quest'anno, per avere alle partite gli sponsor alle partite che avrebbero voluto investire ancora di più, e tutto ciò non è accaduto. Quindi non possiamo nemmeno immaginare come sarà la prossima finestra di trasferimento. Fa paura questa cosa. Siamo partiti con l'idea di un progetto virtuoso, quindi stiamo comunque cercando di tagliare i costi, abbiamo iniziato questo prima della pandemia, quindi eravamo, in un certo senso, più preparati di altri". 
Sul ritorno al top del Milan: "E' difficile dire cosa manca. Quando la gestione è stabile, gli obiettivi sono condivisi, tutti sono sulla stessa linea e c'è una certa stabilità nella costruzione della squadra, con un percorso, credo sia più facile da confermare. Dato che abbiamo una squadra giovane, i nostri giovani sono probabilmente destinati a migliorare rispetto ai più grandi. Il fatto che la rosa sia così giovane ci fa pensare che negli anni questi giocatori miglioreranno". 

Su cosa lo soddisfa di più: "Una squadra di calcio vive di risultati. I risultati ti aiutano a farti rispettare, a svegliarti bene, a stare bene. Ma ciò che mi ha portato di più nella mia carriera sono i rapporti umani. Sinceramente poter essere rispettati in un altro ruolo e aver svolto un buon lavoro è una cosa che dà soddisfazione". 

Sul 5-0 contro l'Atalanta: "Non sai mai cosa fare o non fare in questi tempi. Abbiamo parlato chiaramente con la squadra. Non so se i risultati che sono arrivati dopo sono arrivati grazie alle parole che usammo quel giorno, ma lo chiarimmo. In questi momenti, credo che non dovremmo distinguere tra noi e loro. Dobbiamo essere uniti. Abbiamo chiaramente dovuto proteggerci e cercare di trovare i problemi, per evitare di avere una stagione in quella direzione. Devo dire che dopo quella sconfitta la proprietà ci ha permesso di inserire un giocatore come Zlatan". 

Su Ibra: "La verità è che il club è al di sopra di ogni giocatore perché i giocatori passano e il club rimane. Ci sono giocatori che lasciano un segno diverso dagli altri e Zlatan è uno di loro. È un motivatore, è un personaggio in sé e per sé che può sembrare complicato da affrontare, ma per chi riesce a trarre tutte le sue qualità, è una risorsa enorme. Il club è al di sopra di ogni giocatore, e questo vale per tutti, perché deriva da come pensiamo al nostro lavoro di leader. Questo discorso sarà sempre rilevante".