Saelemaekers: "Ho detto a Lokonga di venire al Milan. Lukaku? Non possiamo uscire insieme a Milano se no i tifosi si arrabbiano"

04.06.2021 16:00 di Enrico Ferrazzi Twitter:    vedi letture
Saelemaekers: "Ho detto a Lokonga di venire al Milan. Lukaku? Non possiamo uscire insieme a Milano se no i tifosi si arrabbiano"
MilanNews.it
© foto di PhotoViews

Ai microfoni di Eleven Sports Belgium, Alexis Saelemaekers ha rilasciato queste dichiarazioni: 

Su Sambi Lokonga dell'Anderlecht: "Lui è il mio fratello nel calcio. Sa tutto di me e io so tutto di lui. Lokonga al Milan? Gli ho detto di venire. E' una sua decisione". 

Su Lukaku: "In un certo senso è il mio peggior nemico. Ma allo stesso tempo è uno dei miei migliori amici a Milano. Non possiamo uscire insieme perchè a Milano il calcio è come una religione. Se i tifosi dovessero vederci insiemi si arrabbierebbero. Lukaku è una bella persona e un grande giocatore". 

Su Cristiano Ronaldo: "Nella mia seconda o terza partita nel Milan, mi ha abbracciato. E' uno degli idoli con cui sono cresciuto. Non mi conosceva, ma ha saputo del mio trasferimento al Milan e si è congratulato con me per questo. Non penseresti mai che un giocatore del genere possa essere così umile. E' incredibile".

Su Jérémy Doku del Rennes: "Non ho avuto il tempo di conoscerlo molto bene. Ma è un talento eccezionale. Mi ricordo il suo primo allenamento con la prima squadra all'Anderlecht, lo stavo marcando a uomo, Doku voleva mostrare le sue qualità alla squadra e quindi non era facile difendere contro di lui. Sono contento che sia stato convocato per gli Europei". 

Sul Club Bruges: "E' una possibile avversaria nella prossima Champions League. Sono stati i campionati indiscussi in Belgio, erano molto forti. Hanno tanti talenti. Spero che l'Anderlecht possa competere con lo loro nella prossima stagione". 

Su Neerpede (centro sportivo dell'Anderlecht): "E' dove è iniziato tutto. E' sempre un piacere vedere i giovani dell'Anderlecht giocare. Mi ricordo quando ero nelle giovanili e i professionisti potevano venire e vederci giocare. Eri motivato a dare ancora di più. Credo sia una delle migliori settori giovanili in Belgio e forse in Europa. Le squadre giovanili dell'Anderlecht raggiungono sempre le finali nei più grandi tornei. Congratulazioni agli allenatori e ai direttori sportivi dell'Anderlecht perchè stanno facendo un grandissimo lavoro".