ESCLUSIVA MN - Galderisi: “Milan, non ti tremeranno le gambe a Reggio Emilia. Uomini copertina? Leao, Theo, Tonali ma anche Kessiè…”

21.05.2022 17:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA MN - Galderisi: “Milan, non ti tremeranno le gambe a Reggio Emilia. Uomini copertina? Leao, Theo, Tonali ma anche Kessiè…”
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

L’ex rossonero Giuseppe Galderisi ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per parlare dell’attualità rossonera in vista di Sassuolo-Milan di domenica 22 maggio alle 18 al Mapei Stadium

Galderisi, al Milan basta un punto per laurearsi campione d’Italia.

“E sarebbe anche pronto a farlo. La squadra ha avuto un percorso di crescita netto, anche nelle ultime partite. Gli ultimi turni hanno visto i rossoneri superare Fiorentina, Verona e Atalanta che sono avversarie che non mi sarei mai voluto trovare dall’altra parte. Il Milan ne è uscito con forza, gruppo e serenità, subendo pochi gol e diventando letale quando è stata data la possibilità”.

È una squadra a immagine e somiglianza di Stefano Pioli?

“Stefano è cresciuto tantissimo. Conosco da anni lui e il suo staff, ha sempre improntato una politica di enorme rispetto attraverso un rapporto unico con i giocatori. È un tipo diretto, schietto e leale e a livello tecnico-tattico si è evoluto tantissimo studiando e aggiornandosi. Il Milan sa stare bene in campo, è innegabile”.

A Reggio Emilia potrebbero tremare le gambe?

“Non credo. Queste sono settimane delicate ma allo stesso tempo belle da vivere. La forza del Milan risiede in un gruppo compatto e consapevole della propria forza. L’umiltà non è mai mancata ma c’è questa convinzione di essere vicini al traguardo, si percepisce”.

Ci sono dei giocatori copertina?

“Diversi. Su tutti direi Leao, Theo Hernandez ma soprattutto Tonali che ha avuto una crescita esponenziale impressionante. Bene anche Kessiè che nei momenti cruciali si è fatto sentire alla sua maniera in mezzo al campo”.

Come si può migliorare questa squadra?

“Io penso che adesso la priorità sia vincere lo Scudetto. Poi ci penserà Paolo Maldini che ha dimostrato di essere un grande dirigente”.

Ma da qualcosa bisognerà pur iniziare…

“Blindando i suoi uomini migliori. Quella dovrà essere la base di partenza. Anche se dovesse sfumare lo Scudetto ciò che ha fatto il Milan non si può mettere in discussione. La strada intrapresa è quella giusta”.

Intervista di Peppe Gallozzi