ESCLUSIVA MN - Lentini: “Milan, che occasione per lo scudetto. Maldini e Massara determinanti. Leao? Ha i mezzi per diventare un top player”

14.03.2022 16:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
Fonte: Intervista di Peppe Gallozzi
ESCLUSIVA MN - Lentini: “Milan, che occasione per lo scudetto. Maldini e Massara determinanti. Leao? Ha i mezzi per diventare un top player”
MilanNews.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

L’ex rossonero Gianluigi Lentini ha parlato in esclusiva ai microfoni di MilanNews.it raccontando l’attualità milanista e non solo. Ecco le sue parole: 

Lentini, ora che la classifica è cambiata, il Milan è il vero favorito per lo Scudetto?

“E’ ancora presto per dire una cosa del genere. Diciamo, tenendoci prudenti, che adesso può giocarsi una carta importante con questo primo posto reale. I punti rimanenti sono tanti ma le possibilità vanno considerate concrete”.

Pensava che il suo Torino potesse tirare lo “scherzetto” all’Inter?

“Onestamente no, ad inizio campionato credevo ad un’Inter protagonista assoluta di questo campionato tra le tante cose. Tornando alla partita di domenica sera, il Toro ha dimostrato di saper mettere in difficoltà tante squadre e non fosse stato per il pareggio a tempo scaduto avrebbe vinto meritatamente”.

La forza del Milan può essere identificata in una maggior attenzione alla fase difensiva…

“Stanno prendendo pochi gol, è indubbio. Quando riesci a non prenderle sei già avanti e bisogna aggiungere che il Milan ha giocatori che il gollettino lo trovano sempre. Con queste prerogative si incamerano tanti risultati importanti”.

Pioli è maturato ulteriormente nella sua parentesi rossonera?

“Bravo Pioli, bravi i giocatori ma brava la società. Il Milan ha indovinato la strategia, ha blindato giocatori giovani e importanti che quest’anno stanno dando un contributo determinante alla causa”.

Tra questi uno in particolare che l’ha positivamente sorpresa?

“Leao, ma non mi ha sorpreso. Si vedeva che possedeva qualità incredibili e in questa stagione va considerato fondamentale”.

Può diventare un top player?

“Se la testa lo accompagna ha tutto per diventarci”.

Vorrebbe Ibrahimovic in campo per un’altra stagione?

“Al di là del discorso tecnico e del rendimento, Ibra ha cambiato il Milan. Nello spogliatoio ha portato un’aria diversa già dal suo arrivo. C’è tanto di lui in questa squadra”.

E di Maldini dirigente, invece, quanto c’è in questo Milan?

“Tantissimo. Paolo oltre ad essere un campione è intelligente e sa fare il suo lavoro. Non tralascerei neanche Ricky Massara, un caro amico che sta facendo benissimo”.

Le condizioni per sognare sembrerebbero esserci tutte…

“C’è di tutto un po’. C’è la qualità, l’organizzazione, l’attaccamento. Il mix sta funzionando e sarebbe bello a fine anno vedere i rossoneri festeggiare qualcosa di importante”.