MN - Mandzukic, il rinnovo non è automatico in caso di Champions. Dieci partite per convincere il Milan

28.03.2021 12:45 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Antonio Vitiello
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
MN - Mandzukic, il rinnovo non è automatico in caso di Champions. Dieci partite per convincere il Milan

La scelta maturata nel mercato invernale di prendere lo svincolato Mario Mandzukic come vice Ibra sembrava potesse essere vincente. Il croato, che in Italia ha fatto la fortuna della Juventus di Max Allegri, è stato accolto con grande gioia e calore dalla tifoseria rossonera. L'unico dubbio, visto che le doti tecniche e caratteriali del giocatore non sono mai state in discussioni, riguardava la tenuta fisica dell'ex bianconero. E i più pessimisti ad oggi hanno avuto ragione: Mandzukic in due mesi ha collezionato solo 5 apparizioni in maglia rossonera, 4 in Serie A e 1 in Europa League per un totale di 158 minuti: la punta è stata costretta a rimanere ai box per diversi problemi fisici.

A gennaio Mario ha firmato un contratto di sei mesi con opzione per il rinnovo annuale in caso di Champions League. Stando a quanto appreso dalla redazione di MilanNews.it il rinnovo non scatta in automatico in caso di raggiungimento dell'obiettivo, ma all'interno del contratto l'opzione è a favore del club. Tradotto: a fine stagione sarà la società a valutare il futuro del giocatore. E Mandzukic, che si è allenato a Milanello durante la sosta insieme agli altri infortunati, è vicino al rientro e avrà dieci gare di Serie A, a questo punto fondamentali, per determinare il proprio futuro. Sarà il campo a parlare.

di Antonio Vitiello