LA LETTERA DEL TIFOSO: "Dai che ci siamo" di Fabrizio

14.11.2019 00:24 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
LA LETTERA DEL TIFOSO: "Dai che ci siamo" di Fabrizio

Buonasera a tutti i Rossoneri ed alla redazione.

Sembrerà poca roba, anzi per altre realtà un atteggiamento canzonabile, ma nonostante la sconfitta di domenica sera, a fine partita sono riuscito ad essere parzialmente contento: Conti, Bennacer, per vari tratti Krunic, a parte il “solito” Theo. Ho visto calcio e di qualità. Certo abbiamo perso ma non abbiamo mai subito e la cosa non capitava da almeno tre anni.

La Juve era stanca? Non ci credo! 

È stata condizionata dal mal di pancia (ginocchio) di Ronaldo? Concetto che non ha senso.

Il Milan ha giocato al massimo del possibile attuale? Altra falsità! Siamo in crescita e una buona crescita. Certo in un mese mister Pioli non può avere fatto miracolosi stravolgimenti.

Inutile sparare su Giampaolo, ma era un allenatore sbagliato per le caratteristiche dei giocatori a disposizione, con buona parte dei nuovi arrivati a settembre. Quando si sbaglia così tanto nella preparazione, anche fisica, diventa complicatissimo riassestare un gruppo di lavoro fatto ed allestito senza senatori. 

La fiducia e l’autostima deve essere consentita e sollecitata anche da noi tifosi. Forza ragazzi, vi saranno molte meno sconfitte e più vittorie, sembra che la luce in fondo al tunnel sia più evidente. Crediamoci tutti, siamo il Milan! Orgogliosi della partita di domenica sera. Come ha sempre detto il nostro caro Arrigo, impariamo a perdere per vincere in futuro e con la Juve è stata la sconfitta più salutare che ci potesse capitare.

ABBIAMO GIOCATO MEGLIO NOI!

Fabrizio Cordini da Piacenza