Costacurta su Gullit: "Ruud era un giocatore sensazionale e all'avanguardia ma a palleggiare ero meglio io"

20.11.2020 15:12 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di MB/Image Sport
Costacurta su Gullit: "Ruud era un giocatore sensazionale e all'avanguardia ma a palleggiare ero meglio io"

Intervenuto nel Podcast "Cronache dei 90" del giornalista Stefano Borghi che racconta nel dettaglio la storia di Ruud Gullit, l'ex rossonero Alessandro Costacurta ha raccontato tanti aneddoti tra cui uno, in particolare, sulle qualità dell'olandese. Queste le sue parole: "Ruud credo sia stato il primo atleta che riusciva ad abbinare grandissime qualità fisiche a quelle tecniche. Era un giocatore sensazionale. Aveva una facilità nel muoversi in velocità palla al piede che era impressionante. Aveva una capacità di posizionarsi in maniera corretta quando gli arrivava il pallone che era incredibile, aveva il classico stop a seguire che riusceva ad eludere l'intervento dell'avversario. Aveva la capacità di posizionarsi in modo tale che con un piccolo tocco del piede riusciva a scatenarsi in velocità. Questo era incredibilmente all'avanguardia perchè quando ci mettevamo a palleggiare, e mi viene quasi da ridere a dirlo, io ero meglio. Non riusciva a palleggiare, io per esempio ero più bravo a metterla sulla testa o sulle ginocchia. Quando ci mettevano a farci fare i palleggi, lui palleggiava male ma perchè non fa parte della tradizione calcistica olandese."