9 dicembre 2020, l'Italia piange Pablito Rossi, icona del nostro calcio ed eroe a Spagna '82

09.12.2021 14:50 di Pietro Andrigo Twitter:    vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
9 dicembre 2020, l'Italia piange Pablito Rossi, icona del nostro calcio ed eroe a Spagna '82
MilanNews.it
© foto di Imago/Image Sport

Il 9 dicembre 2020 l'Italia piange Paolo Rossi. L'eroe dei Mondiali del 1982 si spegne all'età di 64 anni. La notizia giunge nella notte, come un fulmine a ciel sereno: Rossi era malato da qualche mese, colpito da un tumore ai polmoni. 

Nato a Prato il 23 settembre 1953, Rossi muove i primi passi nella sua città, trasferendosi adolescente alla Juventus. È la cessione in comproprietà al Vicenza però che lo fa sbocciare: fra il 1976 e il 1978 conquista la promozione in Serie A e trascina la squadra a un clamoroso 2° posto in campionato: per lui saranno 2 titoli di capocannoniere consecutivi. Un exploit che lo porterà ad essere al centro del mercato, col Vicenza che riscatta la seconda metà del cartellino per la cifra record di 2 miliardi e 612 milioni. Nel 1979 lo acquista il Perugia, che per permettersi il suo acquisto si fa aiutare da uno sponsor che però, non potendo comparire sulle maglie (i regolamenti dell'epoca lo vietavano), veniva camuffato sotto forma di sponsor tecnico. Nel 1980 lo scandalo del calcioscommesse che lo coinvolge e lo porta ad essere squalificato per due anni. Rientrerà nella primavera del 1982, quando intanto la Juventus l'ha riportato a casa e su di lui punterà, contro tutto e tutti, il ct Enzo Bearzot che lo convocherà per i Mondiali. Li vivrà da protagonista, trascinando gli azzurri al terzo titolo iridato e vincendo la classifica marcatori. Epica la tripletta al "Sarria" di Barcellona contro il Brasile. Arriveranno poi uno scudetto, una Coppa Italia, una Coppa dei Campioni, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Europea. Chiuse a Verona, dopo un anno nel Milan. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è stato a lungo opinionista per Sky, Mediaset e RAI, mentre negli ultimi anni era tornato a Vicenza come dirigente.