Super Ibrahimovic, gol e vittoria: il Milan è già suo

12.01.2020 08:16 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Super Ibrahimovic, gol e vittoria: il Milan è già suo

Il primo gol in rossonero dopo il ritorno al Milan non si è fatto attendere molto. Ibrahimovic a Cagliari è stato subito determinante con la rete del 2-0, a segno esattamente 2806 giorni dopo l’ultimo in serie A prima del trasferimento al Psg. Nonostante i 38 anni è stato il trascinatore della sfida, l’ultima del girone d’andata. Il Milan ha vinto grazie a un suo gol (l’altro di Leao), ma anche per la sicurezza che è riuscito a trasmettere ai compagni in campo. Tutti sono sembrati più sicuri nei propri mezzi, come lo stesso Leao che in tandem con lo svedese si è sbloccato e ha siglato la sua seconda rete in Italia.

L’intera squadra è apparsa più determinata, merito anche di un modulo che ha tolto dal rettangolo verde alcuni giocatori fuori forma come Suso, Paquetà e Bonaventura (entrato nella ripresa), e probabilmente più adatto in un momento delicato della stagione. “Per un attaccante è importante segnare, l'importante è che mi sento bene, poi i gol arrivano. Ho sbagliato qualche pallone all'inizio, mi serve giocare per entrare in forma", ha dichiarato il campione svedese dopo il successo in Sardegna. “Esultanza come Dio? Faccio questa esultanza perché così mi sento vivo. Speriamo di continuare così, si soffre ma quando si lavora torna tutto".

Anche il tecnico Stefano Pioli ha avuto parole al miele per Zlatan, e inevitabilmente ha elogiato il 38enne di Malmoe: “Nel secondo tempo gli ho chiesto spesso come stava, mi preoccupavo per le sue condizioni, si è posto con grande intelligenza. Ha capito bene il momento della squadra, sta intervenendo con le parole giuste, con grande positività. In campo è un riferimento molto importante, non può che crescere, il vero Zlatan lo vedremo tra qualche partita". Zlatan Ibrahimovic (38 anni e 100 giorni) è il quinto marcatore più anziano nella storia del Milan in Serie A, dopo Costacurta, Maldini, Inzaghi e Liedholm.