Pagelle - Kalulu, che impatto. Tonali, prova matura. Malino la catena di destra

03.11.2021 20:54 di Pietro Mazzara Twitter:    vedi letture
Pagelle - Kalulu, che impatto. Tonali, prova matura. Malino la catena di destra
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Queste le pagelle di Milan-Porto

Tatarusanu 6,5: Luis Diaz lo impallina a freddo, ma si presenta tutto solo davanti a lui. Poi Tata è bravo, per due volte, su altrettante testate di Grujic. Inoperoso nel secondo tempo.

Calabria 5,5: Luis Diaz è una bestia brutta da domare e, per la prima volta in stagione, va in difficoltà evidente contro un avversario diretto nell’uno contro uno. Esce nell’intervallo. (dal 46’ Kalulu 6,5: buttato nella mischia a inizio secondo tempo, ha verve e voglia di fare. Suo il tiro-cross che Mbemba mette nella sua porta per il pareggio rossonero).

Tomori 6: nel corpo a corpo non perde un duello, così come Romagnoli, ma quando il Porto  muove di tecnica il pallone, deve alzare il livello dell’attenzione allo stato massimo.

Romagnoli 6: come Tomori, nell’uno contro uno non soffre Evanilson. Attento nel pulire alcuni palloni potevano grondare veleno.

Theo Hernandez 6: primo tempo così così, sale nella ripresa dove riesce a trovare maggior spazio per le sue sgroppate offensive. Forse ci si sarebbe aspettato un po’ di più da parte sua visto che guarderà il derby dalla tribuna.

Tonali 6,5: notte di Champions e prestazione da Champions di Sandro, che lotta su tutti i palloni, non molla mai e fa sentire la sua presenza a Grujic e Sergio Oliveira. (dal 68’ Kessie 6: entra con il Milan proiettato a caccia del gol vittoria. Attento in ripiegamento).

Bennacer 6: il gol del Porto è viziato da un presunto fallo su di lui, però in quella posizione e dopo pochi minuti non può rischiare così tanto. Turpin non fischia e da lì nasce la rete ospite. Poi sale esponenzialmente con il passare dei minuti.

Saelemaekers 5,5: non convince, anche perché per gran parte del primo tempo non ci si accorge nemmeno della sua presenza. Ha sul sinistro la palla dell’1-1, ma il suo tiro decolla e atterra nello studiolo di MilanTv al primo rosso. Cerca di darsi una scossa nella ripresa, ma non ci riesce a pieno.

Brahim Diaz 5,5: al ritorno da titolare dopo il covid, si vede che ha perso qualcosa a livello di ritmo. Il tasso d’inventiva è basso anche a causa della pressione forte da parte dei centrocampisti del Porto. Esce quando non ne ha più. (dal 68’ Krunic 5,5: impatto non felice sulla partita nel momento topico della partita).

Leao 6: nei momenti in cui la luce non si accende, il pallone arriva spesso a lui. Sua l’accelerata da cui nasce il cross che Saelemaekers non riesce a tramutare in gol. Nel secondo tempo cresce tanto fino a quando non si accende la spia della riserva di energie. (dall’84’ Maldini sv).

Giroud 6: due tiri, due occasioni. Il primo viene deviato in angolo da Diogo Costa. Il secondo è più un gol mangiato, ma ci pensa Kalulu a proiettare il pallone verso la deviazione di Mbemba per il punto del pareggio. (dal 76’ Ibrahimovic 6: entra con il solito boato alle spalle, gli annullano un gol per fuorigioco di Theo. Fa ancora paura anche in Europa).

All. Pioli 6: nel match in cui il Milan si giocava una buona percentuale di chance di tenere aperto il discorso qualificazione, la sua squadra entra in campo schiacciata da questo peso. Ci vuole un tempo per togliersi di dosso le remore. I cambi, specie quello di Brahim Diaz, sono stati forzati dalle condizioni fisiche dei giocatori.