SPECIALE 2011 "I ragazzi sono in giro" - Astori, che peccato! La personalità di Merkel e la grinta di Paloschi. Donnarumma i guantoni del futuro, Dìdac "en plein" catalano

01.01.2012 12:00 di Matteo Calcagni   vedi letture
SPECIALE 2011 "I ragazzi sono in giro" - Astori, che peccato! La personalità di Merkel e la grinta di Paloschi. Donnarumma i guantoni del futuro, Dìdac "en plein" catalano
MilanNews.it
© foto di Alberto Fornasari

Il 2011 non ha portato solo lo Scudetto, ma anche l'esplosione di tanti giovani in prestito o in comproprietà in Italia e all'estero. Questo numero speciale de "I ragazzi sono in giro", descrive le prestazioni dei ragazzi che si sono contraddistinti maggiormente in questa annata: qualcuno di loro tornerà al Milan, altri l'hanno già salutato definitivamente, ma la fucina di giovani talenti continuerà a produrre campioncini.

 

 

 

Ecco, di seguito, l'elenco dei ragazzi che si sono distinti nel 2011:

 

I ragazzi in Serie A:

 

DAVIDE ASTORI, difensore, classe 87', ora al Cagliari a titolo definitivo:

Impossibile non citare il difensore bergamasco, nonostante il "giochino" della comproprietà, la scorsa estate, abbia favorito il Cagliari. Astori, in compartecipazione per tre stagioni in Sardegna, si è aggiudicato le ultime due edizioni de "I ragazzi sono in giro": la sua maturazione è stata costante e progressiva, fino alla meritata convocazione in Nazionale. La seconda parte della stagione 2010/11 è stata positiva come la prima, tanto da far accrescere gli apprezzamenti e i consensi a favore del giocatore. In estate, nonostante anche il Milan avesse espresso l'intezione di riportare a casa il ragazzo, è stato il Cagliari ad aggiudicarsi la contesa, risolvendo a proprio favore la comproprietà grazie ad una cifra di 4 milioni. Una decisione che, a distanza di mesi, ci lascia ancora piuttosto contrariati, viste le doti e la futuribilità del centrale ventiquattrenne. Ad oggi Astori sta recuperando dal brutto infortunio al perone, rimediato in uno scontro con Lavezzi: all'ex rossonero vanno i nostri migliori auguri.

 

ALEXANDER MERKEL, centrocampista, classe 92', ora al Genoa in comproprietà:

Dopo aver esordito e stupito tutti in rossonero, siglando anche un gol in Coppa Italia contro il Bari, Alexander Merkel è stato ceduto in comproprietà al Genoa in estate, nell'operazione che ha portato Stephan El Shaarawy in compartecipazione al Milan. Il giovane kazako-tedesco è stata una delle note più liete di questa seconda parte del 2011, dimostrandosi un centrocampista completo e di sicuro avvenire. Nonostante una concorrenza agguerrita, infatti, l'ex Stoccarda si è guadagnato velocemente la titolarità in rossoblù, mostrando personalità e miglioramenti sempre più evidenti. La prova migliore di Merkel è arrivata a Torino contro la Juventus: il giovane centrocampista ha servito l'assist a Marco Rossi e ha anche colpito una traversa, venendo poi elogiato da tutta la stampa sportiva. Galliani avrebbe voluto riportarlo subito in rossonero ma Preziosi, felice dell'intuizione estiva, ha blindato il diciannovenne almeno fino a giugno.

 

ALBERTO PALOSCHI, attaccante, classe 90', ora al Chievo in prestito con diritto di riscatto per la metà:

Dopo una sfortunata stagione e mezza al Parma, Paloschi ha ritrovato gol e sorriso in quel di Genoa, trasferitosi alla corte di Preziosi a gennaio 2011. Memorabile la doppietta contro la Roma, quando i rossoblù riuscirono a ribaltare il netto 0-3 di marchio giallorosso. Alberto tornò poi al Milan nella maxi operazione che sancì l'acquisizione a titolo definitivo di Boateng: dopo aver svolto la preparazione con i rossoneri, il giovane attaccante si trasferì al Chievo in prestito con diritto di riscatto della metà. Dopo qualche mese ricco di panchine e poco altro, Di Carlo si è finalmente deciso a schierarlo con più continuità: un gol (da cineteca) e un assist nelle ultime tre partite del 2011, segno che il ragazzo ha grinta e stoffa da vendere.

 

RODNEY STRASSER, centrocampista, classe 90', ora al Lecce in prestito secco:

2011 da incorniciare anche per Rodney Strasser, autentico protagonista di inizio anno. Dopo la decisiva rete contro il Cagliari e qualche presenza, il mediano della Sierra Leone è stato prestato al Lecce senza alcun vincolo. Il mediano ha giocato con buona continuità, segnando anche un gol nel pareggio interno contro il Novara. Una delle migliori prove del centrocampista è arrivata proprio contro il Milan, quando nel primo tempo riuscì ad imbrigliare con ordine l'ex compagno Robinho. Le difficoltà del Lecce, unite anche al cambio di allenatore, hanno influito sulle successive prestazioni di Strasser, spesso in balia degli avversari insieme a tutta la formazione salentina. Un finale non esaltante che, tuttavia, non può annebbiare lo splendido 2011 di Rodney Strasser.

 

I ragazzi in Serie B:

 

ANTONIO DONNARUMMA, portiere, classe 90', ora al Gubbio in prestito con diritto di riscatto per la metà:

Dopo aver chiuso una prima parte di 2011 da riserva al Piacenza, Donnarumma ha accettato il trasferimento al Gubbio, piazza neo-promossa dalla Lega Pro. Titolare indiscutibile in Umbria, l'estremo difensore campano ha subito mostrato le sue grandi qualità, disputando gare di grande livello. Tolti un paio di "peccati di gioventù", il giovane portiere ha offerto solo prestazioni maiuscole: da citare le prove contro Nocerina e Padova. Nella sfida contro i rossoneri Donnarumma ha neutralizzato un calcio rigore, mentre con il Padova ha garantito il successo dei suoi grazie a cinque interventi miracolosi. Il ventunenne di Castellammare di Stabia, interrogato sul suo futuro, non ha nascosto un forte desiderio di tornare al Milan. Noi, che lo seguiamo fin dai tempi della Primavera, glielo auguriamo con tutto il cuore.

 

WILFRED OSUJI, centrocampista, classe 90', ora al Padova in comproprietà:

Dopo essersi distinto a più riprese con la maglia del Varese, il centrocampista nigeriano è stato notato dalla dirigenza del Padova proprio nel playoff contro i lombardi. Un mediano ruvido e grintoso, veloce e dedito nel recuperare i palloni, senza disdegnare anche gli inserimenti. Nonostante un inizio di stagione in panchina, Osuji ha poi conquistato la titolarità, grazie ad una serie di prove maiuscole, segnando anche il suo primo gol in Serie B a Modena: una rete festeggiata a suon di capriole, che hanno ricordato a tutti la classica esultanza dell'ex nerazzurro Martins.

 

SIMONE ROMAGNOLI, difensore, classe 90', ora al Pescara in prestito secco:

Giocatore feticcio di Zdenek Zeman che, dopo la grande stagione a Foggia, lo ha voluto con se anche a Pescara. Non più titolare fisso come in Puglia, dove ha disputato una stagione di impressionante continuità, il difensore ventunenne si è distinto anche in Abruzzo, inanellando prove molto convincenti. Nonostante la difesa non sia certamente il punto di forza dell'allenatore boemo, Romagnoli è migliorato tantissimo in questo bienno, prenotandosi per un futuro ricco di soddisfazioni.

 

SIMONE VERDI, attaccante, classe 92', ora al Torino in comproprietà:

Gioiello principe della Primavera rossonera, Simone Verdi è stato ceduto in comproprietà al Torino nella sessione estiva di calciomercato. Il folletto pavese, acquisito come alternativa al 4-2-4 di Ventura, ha subito mostrato le sue qualità nella trasferta di Ascoli: schierato titolare, Verdi ha ubriacato costantemente la retroguardia avversaria come uno stantuffo, procurandosi anche il rigore del momentaneo pareggio granata (l'ex rossonero Oduamadi ha poi regalato la vittoria al Toro). Nelle settimane successive, anche a causa di un infortunio, il suo astro si è leggermente sopito, salvo poi riprendersi con gli interessi da novembre in poi. A Torino lo vorrebbero vedere titolare con più continuità, anche noi siamo dello stesso avviso.

 

I ragazzi in Lega Pro:

 

ANDREA SCHENETTI, attaccante, classe 91', ora al SudTirol in prestito secco:

Dopo una prima parte di stagione alla Lucchese, Schenetti si è trasferito al Prato ad inizio 2011: una scelta saggia, considerando lo scarso minutaggio dell'attaccante a Lucca. Con i biancoazzurri l'ex Primavera è stato più volte decisivo, segnando una rete capolavoro contro il Celano e, nella semifinale playoff contro L'aquila, procurandosi e trasformando un rigore al 93'. Stroppa, dopo l'addio al Milan, decide di portare Schenetti con se nella nuova avventura al Sudtirol. Insieme all'attaccante arrivano anche i rossoneri Chinellato e Santonocito. Il rapido diciannovenne risulterà tra i migliori in questa prima parte di stagione in Alto Adige, segnando tre reti in quindici incontri disputati.

 

GIANMARCO ZIGONI, attaccante, classe 91', ora all'Avellino in prestito secco:

Dopo aver trovato poco spazio al Frosinone, Zigoni viene riscattato interamente dal Milan e poi girato in prestito all'Avellino. In Campania l'inizio di stagione (nonostante una rete decisiva contro il Viareggio) non è facile e il "Cobra" fatica ad adattarsi. Le cose, tuttavia, migliorano con il passare delle settimane: l'attaccante trova nuovamente titolarità, gol e prestazioni convincenti. Memorabile la prova contro il Como dove, subentrato dalla panchina, ha deciso il match grazie ad una rete e un assist. Ottime anche le successive gare con Lumezzane e Pavia (un gol).

 

I ragazzi all'estero:

 

PIERRE-EMERICK AUBAMEYANG, attaccante, classe 88', ora al Saint-Etienne a titolo definitivo:

Esplode in questo 2011, segnando tanti gol e portando numerosi assist alla causa del Saint-Etienne. Dopo aver a lungo viaggiato l'attaccante del Gabon richiede la stabilità che merita, esortando ed ottenendo il trasferimento a titolo definitivo. Pierre Aubameyang diventa, a dicembre 2011, ufficialmente un giocatore dell'ASSE. Al Milan andrà in cambio un milione di euro.

 

DIDAC VILA', difensore, classe 89', ora all'Espanyol in prestito secco:

Prelevato tra la sorpresa generale a gennaio dall'Espanyol, Dìdac Vilà non trova spazio al Milan, disputando soltanto l'ultima gara di campionato contro l'Udinese. In estate il terzino spagnolo torna nuovamente a Barcellona, questa volta però in prestito secco. Positivissima la prima parte di stagione per l'esterno mancino: sotto la guida di Pochettino, infatti, Dìdac fa l'en plein di minuti in Liga, disputando tutti i match senza essere mai sostituito. Da segnalare anche l'ottimo impatto del catalano con la Nazionale Under 21: le Furie Rosse vincono l'Europeo anche grazie all'apporto del terzino, autore dell'assist per la prima rete spagnola nella finalissima contro la Svizzera.