Theo Hernandez: "Al Milan sto molto bene, sono contento della mia vita. Mi mancano i tifosi allo stadio"

09.06.2021 08:00 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Theo Hernandez: "Al Milan sto molto bene, sono contento della mia vita. Mi mancano i tifosi allo stadio"
MilanNews.it
© foto di PhotoViews

In questa stagione, la sua seconda con la maglia del Milan, ha avuto qualche alto e basso in più, ma ancora una volta Theo Hernandez è stato uno dei protagonisti assoluti del Diavolo che è arrivato secondo in campionato e che è finalmente tornato a qualificarsi in Champions League. Intervistato da "L’Officiel Arabia", rivista di moda nel Medio Oriente, il terzino francese ha parlato anche del suo futuro: "Mi sento molto bene al Milan. L’atmosfera, le gare, i tifosi, tutto è davvero incredibile. Vedremo cosa porterà il domani. Da un punto di vista personale, ho diversi progetti in corso. Sono molto contento della mia vita". 

INFORTUNIO ALLA CAVIGLIA - Theo è arrivato al Milan nell'estate 2019, ma l'inizio non è stato semplice a causa di un infortunio alla caviglia rimediato in un'amichevole valida per l'International Champions Cup contro il Bayern Monaco: "Appena arrivato al Milan, mi sono infortunato alla caviglia in un’amichevole contro il Bayern Monaco. A causa dell’infortunio, sono stato costretto a restare fermo per un po' di tempo. Pr me è stato un duro colpo, ma grazie alla mia famiglia e ai tifosi sono stato capace di affrontare questa situazione". 

LA MANCANZA DEI TIFOSI - L'ultimo anno, invece, è stato condizionato parecchio dall'emergenza sanitaria causata dal Covid-19: "Il fatto che fosse qualcosa di sconosciuto e nuovo è stato davvero pauroso. Per il mondo dello sport, il cambiamento più grosso è stato ovviamente nel rapporto con i tifosi. Mi manca molto non poterli incontrare o vederli allo stadio durante le gare. La pandemia è una cosa seria, ma sono convinto che troveremo una via d’uscita per far sì che scompaia e che tutto possa tornare come prima. Questo al momento è il mio desiderio più importante".