Da bianco a nero: gli altri 'colori' del Diavolo

La seconda maglia tra aneddoti e ricordi
28.11.2010 18:40 di Giuseppe Bosso  articolo letto 3681 volte
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
Da bianco a nero: gli altri 'colori' del Diavolo

C'era una volta una maglia bianca da trasferta a cui erano legati momenti dolci della storia del Milan: la prima Coppa dei Campioni del 1963, la prima Coppa Intercontinentale del 1969, le due Coppe dei Campioni vinte da Sacchi nel 1989 a Barcellona sullo Steaua e nel 1990 a Vienna sul Benfica, il trionfo di Capello sul Barcellona di Crujff ad Atene nel 1994, la Champions vinta nel 2003 sulla Juve a Manchester e le due 'vendette'su Liverpool e Boca nel 2007.Maglia portafortuna?Si, però c'era anche a Istanbul, a Yokohama nel 2003, a Vienna nel 1995...nel frattempo, però, nuovi colori si facevano largo per il Milan. Nel 1995 veniva inventata la maglia gialla che veniva indossata nella vittoriosa sfida in Supercoppa Europea sull'Arsenal e quella stessa estate veniva progettata una curiosa maglia blu che però veinva impiegata solo in due amichevoli estive, contro Standard Liegi e Benfica. Dopo lo scudetto 1996 arrivava una maglia rossa che però veniva immediatamente accantonata dopo la sciagurata sfida di Champions League persa contro il Rosenborg nella sera del ritorno di Sacchi dopo l'esonero di Tabarez. Veniva ideata anche una maglia nera che, nel corso negli anni, sarebbe stata tenuta come terza scelta per le trasferte, e questa lasciava subito il segno perchè era quella indossata a Perugia quel 23 maggio 1999, nel giorno in cui arrivava il più incredibile e imprevisto degli scudetti, segnato da una super parata di Christian Abbiati sul centravanti umbro Bucchi che, ieri sera, per un attimo ci è sembrato di rivedere su quella conclusione di Pozzi. Pozzi che, durante la sua breve militanza milanista, segnò un gol alla Juve in un triangolare estivo in cui veniva provata per la prima volta una maglia 'dorata', nel 2004-2005, che però non sarebbe mai stata più utilizzata. E così arriviamo ai giorni nostri, in cui sembra proprio che il Milan abbia deciso di scalzare il bianco a favore del nero per le trasferte: sfortunata, la maglia nera, nella tempestosa notte di Manchester dello scorso febbraio; quest'anno cinque 'presenze'(Lazio, Napoli, Bari, Samp in campionato, Ajax in Champions), con un bilancio finora positivo: nessuna sconfitta e Robinho e Ibra particolarmente ispirati, dal momento che hanno segnato tre gol a testa nelle indicate sfide.