ESCLUSIVA MN - Baiocchini: "Milan, non solo Paquetà per l'assalto alla Champions: mi aspetto l'acquisto di un giocatore per ruolo"

13.11.2018 16:00 di Redazione MilanNews Twitter:   articolo letto 56437 volte
Fonte: intervista di Antonio Vitiello
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
ESCLUSIVA MN - Baiocchini: "Milan, non solo Paquetà per l'assalto alla Champions: mi aspetto l'acquisto di un giocatore per ruolo"

La redazione di MilanNews.it ha contattato Manuele Baiocchini. Con il giornalista di Sky Sport abbiamo parlato della sanzione comminata ad Higuain per la reazione nel corso di Milan-Juventus, della prossima sfida contro la Lazio, delle tante assenze per infortunio nella squadra di Gattuso e del mercato di gennaio. Infine, una domanda sulle ambizioni dei rossoneri in campionato.

Si aspettava le due giornate di squalifica per Higuain?
"Mi aspettavo le due giornate, perchè una mi sembrava che potesse essere troppo poco visto la reazione smodata che è stata evidenziata nel comunicato della Lega Calcio. Credo sia una sanzione giusta, anche se molto pesante per il Milan, perchè è un giocatore molto importante per i rossoneri e, forse, l'unico campione a disposizione di Gattuso. Sarà molto complicato per il Diavolo fare a meno del Pipita, anche perchè la sua è un'assenza che si somma a quella di altri giocatori fondamentali per il Milan".

Alla ripresa dopo la sosta il Milan se la vedrà con la Lazio e dovrà fare a meno, oltre che di Higuain, di tanti altri giocatori. Come pensa schiererà la sua squadra Gattuso?
"La Lazio è una squadra forte e sarà uno scontro diretto per la lotta alla Champions League. Mi immagino un Milan con tanti giocatori di qualità, tante mezze punte. Chiaramente bisognerà fare di necessità virtù, quindi Gattuso inserirà Calhanoglu, Castillejo e Suso. Io ricordo tanti anni fa la Roma dei record. Quando perse Totti per tanto tempo per infortunio, Spalletti inventò il 4-2-3-1, questo modulo che era all'avanguardia allora, con Perrotta trequartista e tanti giocatori di movimento. Gattuso deve inventare una cosa del genere, adesso ci vuole l'impronta dell'allenatore per tirare fuori il Milan da una situazione in cui dovrà stare per diverse giornate, non solo fino al termine della squalifica di Higuain".

La lista dell'infermeria rossonera è sempre più lunga: quale tra le assenze sta pesando e peserà di più?
"Credo che Bonaventura, quando è in forma, sia un giocatore imprescindibile per il Milan. Nonostante se ne parli poco, non abbia le luci dei riflettori puntati addosso, però quel centrocampo con Biglia e Bonaventura è un altro centrocampo. Loro due erano un po' il cervello pensante di questo Milan e, purtroppo per Gattuso, in questo momento non ci sono".

A gennaio, con ogni probabilità, il Milan sarà attivo sul mercato. Che cosa si aspetta in entrata per quanto riguarda i rossoneri?
Mi aspetto un difensore, un centrocampista - oltre a Paquetà - e un attaccante. Il difensore è necessario, mi aspetto un arriivo in mezzo al campo e poi un attaccante, perchè si vuol giocare con i due attaccanti, non hai mai un ricambio per cambiare interpretazione e uomini in campo".

Ce la può fare il Milan a centrare la qualificazione in Champions League?
"Così no, perchè in questo momento e con questi giocatori a disposizione la rosa è troppo tirata. In questo momento Lazio, Roma, Milan - e ci metterei anche l'Atalanta - hanno la possibilità di arrivare al quarto posto. Il Milan ha la coperta troppo corta, dovendo giocare ancora 9 partite fino al mercato di gennaio. Sono 27 punti in palio e credo proprio che per tutti i problemi spiegati in precedenza qualche punto lo perderà per strada".