ESCLUSIVA MN - Dal Canto: “Traorè giocatore intelligente, è pronto per San Siro"

24.06.2022 16:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA MN - Dal Canto: “Traorè giocatore intelligente, è pronto per San Siro"
MilanNews.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

L'allenatore Alessandro Dal Canto ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per parlare dell’attualità rossonera e della possibile operazione legata ad Hamed Junior Traorè, giocatore che ha allenato ai tempi della Primavera dell’Empoli.

Mister Dal Canto, si aspettava una crescita esponenziale così grande del ragazzo?

“Quando hanno un’esplosione così rapida è sempre difficile prevederlo. Sicuramente ci accorgemmo subito di essere di fronte ad un giocatore di grande prospettiva visto che giocava tre anni sotto età. Già allora aveva anche grande fisicità, brillantezza e riusciva a sfruttare il suo corpo a seconda delle giocate. Con l’avanzare degli anni è andato migliorando”

Oggi come lo giudica guardandolo da fuori?

“Molto intelligente, soprattutto nell’ultimo anno ha preso grande consapevolezza e penso possa mettersi alla prova in un grande palcoscenico come San Siro”.

Traorè giocatore da Milan quindi…

“Personalmente mi auguro di sì poi dovrà essere il campo a dare il suo responso. Andare in una squadra fresca di vittoria di Scudetto può avere vantaggi e svantaggi. Servirà una grande tempra mentale”.

Può essere identificato come il sostituto naturale di Kessiè?

“Non sono di quest’idea. “Junior” è più offensivo, tende ad inserirsi e attaccare la profondità. Anche tatticamente può avere una collocazione diversa”.

Di che tipo?

“Al Sassuolo ha fatto il trequartista, ha giocato vicino agli attaccanti, talvolta è stato impiegato anche come esterno. Abbina grande quantità e ha qualità proprie”.

Da difensore importante quale è stato è giusto che il Milan cerchi un altro centrale nonostante l’ultima stagione abbia premiato proprio la difesa?

“Le competizioni sono tante e a livello dirigenziale e di staff tecnico i rossoneri hanno dimostrato di avere idee chiarissime. Penso proprio che abbiano ponderato tutti i movimenti da fare con estrema meticolosità”.

Intervista di Peppe Gallozzi.