ESCLUSIVA MN - De Canio: “Kessie può dare ancora tanto al Milan. Scudetto? Ibra può fare la differenza”

07.04.2022 16:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
Fonte: Intervista di Giuseppe Gallozzi
ESCLUSIVA MN - De Canio: “Kessie può dare ancora tanto al Milan. Scudetto? Ibra può fare la differenza”
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Mister Gigi De Canio ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per raccontare l’attualità rossonera in vista di Torino-Milan in programma domenica sera alle 20:45.

De Canio, ritiene che il Milan abbia sprecato una palla importante nella corsa allo Scudetto?

“Non un match ball, come ho sentito in questi giorni. Certo, due punti in più in una situazione di questo tipo sarebbero valsi un vantaggio importante con poche giornate da disputare”.

A cosa è dovuto questo mezzo passo falso?

“Principalmente il Bologna ha giocato una gran bella partita. I giocatori rossoblù hanno trovato, a mio parere, energie maggiori per quello che è accaduto al loro allenatore che li ha motivati tantissimo. Ho visto una grinta incredibile. A questo vanno aggiunte le parate di Skorupski al momento giusto della partita e il fatto che, essendo comunque una squadra di medio livello, non si è mai scomposta in un teatro difficile come San Siro”.

Esclude che il Milan abbia sofferto la pressione di San Siro?

“Sì, anche perché le occasioni ci sono state. Il Milan ha tirato anche in porta trovando, come dicevo prima, uno Skorupski molto ispirato”.

La classifica è ancora fedele alle possibilità di vittoria?

“A dir la verità ho sempre visto l’Inter più attrezzata rispetto a Milan e Napoli che stanno facendo un campionato ben sopra le aspettative iniziali. Poi in questo rush finale è normale che possa accadere di tutto”.

C’è un giocatore che nel Milan potrebbe fare la differenza nel vero senso della parola?

“Sarebbe troppo facile dire Ibrahimovic. Fino ad ora ha avuto tanti problemi fisici e non è riuscito a dare il suo apporto. Se dovesse iniziare a giocare con continuità potrebbe dare un apporto determinante che fin qui non c’è stato”.

Chi la sta colpendo in positivo nel corso di questa stagione?

“Dico tre nomi. Tonali, Leao e Theo Hernandez. Crescita pazzesca la loro in questi ultimi tempi”.

Recuperare mentalmente un giocatore come Kessiè, in questo rush finale, quando sarebbe importante?

“In un momento del genere tutti devono essere funzionali all’idea che si lotta per conquistare lo Scudetto. Uno Scudetto che al Milan manca tra l’altro da diversi anni. I fischi di San Siro sono dovuti al fatto del mancato rinnovo ma, da qui alla fine, se Kessie fa il Kessie che conosciamo può dare tanto al Milan”.