ESCLUSIVA MN - Taibi: "Milan squadra tosta che gioca bene. Gattuso ha fatto un lavoro straordinario"

08.12.2018 17:30 di Fabio Anelli Twitter:   articolo letto 16516 volte
Fonte: Intervista di Fabio Anelli
© foto di PHOTOVIEWS
ESCLUSIVA MN - Taibi: "Milan squadra tosta che gioca bene. Gattuso ha fatto un lavoro straordinario"

 

Il Milan è pronto a tornare in campo, dopo la bella vittoria in rimonta ottenuta domenica scorsa contro il Parma. Per commentare l’avvicinamento alla sfida contro la formazione piemontese, la redazione di MilanNews.it ha intervistato Massimo Taibi, ex portiere con un passato sia in rossonero che in granata. Ecco le sue parole.

Il Milan si presenterà alla sfida contro il Torino forte della rimonta contro il Parma, come sarà l’approccio dei rossoneri alla gara di domani sera?

“Come stanno facendo adesso. Non lasciando niente di intentato, sono una squadra tosta che gioca bene. Il Milan dovrà crederci dal primo all’ultimo minuto perché di facile non c’è niente”

Il Torino ha collezionato numeri invidiabili in trasferta in questa Serie A, come si presenteranno gli uomini di Mazzarri a San Siro:

“Il Torino si presenterà con la voglia di fare risultato, sono una buona squadra. In trasferta i Granata hanno sempre fatto discretamente bene, se non bene. Evidentemente, il Torino ha delle caratteristiche che gli permettono di sopperire in trasferta alle proprie mancanze, è una squadra che gioca di rimessa e fuori casa riesce ad esprimere meglio il proprio gioco”

Parlando dei Granata, quali possono essere i maggiori pericoli per il Milan?

“Il Milan dovrà prestare attenzione al fatto che il Torino è una squadra che se segna è difficile da recuperare. I rossoneri dovranno stare attenti, gli uomini di Mazzarri hanno nel DNA la capacità di difendere molto bene il vantaggio”

Tornando a parlare di Milan, i rossoneri hanno l’opportunità di portarsi a -1 dall’Inter al terzo posto. Quali possono essere gli obiettivi della squadra di Gattuso?

“Il Milan deve inseguire il quarto posto. Da quando sono arrivati, Leonardo e Maldini in società hanno fatto un grandissimo lavoro. Hanno creato quella compattezza e quello spirito da Milan che fino a prima mancava. Hanno preso giocatori interessanti e soprattutto hanno messo a posto determinate situazioni. È molto importante quando una società è presente e riesce ad entrare nella testa dei giocatori. Nessuno più di Leo e Malda, che hanno trascorso una vita al Milan, possono inculcare alla squadra lo spirito rossonero, e i risultati si vedono”

Donnarumma, domani, potrebbe collezionare la centesima partita consecutiva in Serie A disputata interamente. Come giudica la stagione del portiere milanista?

“Donnarumma è un portiere che non ha neanche vent’anni. È del 1999, e questo non dobbiamo dimenticarcelo. È un portiere di grandissima prospettiva e ha già dimostrato di essere un grandissimo portiere. È chiaro, poi, che come tutti i grandi portieri ha attraversato momenti non felici ma lui come attenuante ha l’estate turbolenta che ha attraversato e che non lo ha aiutato affatto. Questo ha fatto sì che i tifosi lo prendessero di mira ma non dimentichiamoci che ha 19 anni, che è un ragazzo straordinario e che è molto legato al Milan. Adesso, da un po’ di tempo, sta giocando da Donnarumma”

Gattuso ha da poco concluso il primo anno da allenatore milanista, cosa pensa del suo operato fino ad ora?

“Ha fatto un lavoro straordinario perché quando è arrivato Gennaro tutti lo avevano bollato come un allenatore difensivista. Non è così. Gennaro, oltre ad avere la giusta grinta che non guasta mai, è un allenatore che sa far giocare bene la squadra, tanto di cappello per questo. Sacchi, in un’intervista, ha detto che Rino ha dato un’identità al Milan. È vero, ed è molto importante”.