LIVE MN AWARDS, Verdi: "Spero sia il primo premio di una lunga serie, mi ispiro a Pato, ringrazio i tifosi di MilanNews"

27.01.2011 11:48 di Antonio Vitiello   vedi letture
LIVE MN AWARDS, Verdi: "Spero sia il primo premio di una lunga serie, mi ispiro a Pato, ringrazio i tifosi di MilanNews"
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Arriva il giorno della premiazione dei MilanNews Awards. Il premio dedicato al miglior giocatore della Primavera della passata stagione. I lettori di MilanNews hanno votato Simone Verdi, ed oggi all’Ata Hotel Executive di Milano.

Il primo premio individuale, quali sono le sensazioni?
"Sono molto contento spero sia il primo di una lunga serie, devo lavorare molto e continuare così per poter dimostrare ancora di più il mio valore".

Il fatto che sei stato eletto dai tifosi di MilanNews.it come miglior giocatore?
“E’ una cosa molto importante perché vuol dire che l’anno scorso ho fatto bene e sono risultato decisivo in molte occasioni”

C'è molta interazione fra la primavera e la prima squadra...
"Siamo contenti dell’attenzione di mister Allegri però adesso penso a fare bene con la primavera anche se l’obiettivo è la prima squadra".

Com’è iniziata l’avventura Milan?
"La mia storia è iniziata otto anni fa, giocavo nella squadra provinciale del mio paese, vicino Pavia. Gli osservatori sono venuti a vedermi, ho fatto qualche provino e mister Bertani mi ha preso subito. Ho svolto tutta la trafila giovanile e sono approdato in prima squadra".

Verdi ha battuto Merkel, che ora sta giocando in prima squadra
"E’ stato bravo a prendere l’occasione, io sono molto contento per lui. In questo momento non c’è spazio in attacco nel Milan. Bisogna continuare a migliorare, ora c’è più spazio a centrocampo per giocare e Merkel piace molto ad Allegri. E’ bravo a sfruttare l’opportunità che gli sta dando".
 

A chi ti ispiri principalmente?
Il giocatore a cui mi ispiro di più è Pato, un ragazzo che vedo spesso a Milanello e ho la fortuna di allenarmi con lui.

A chi dedichi il premio?
Ai miei genitori, che hanno fatto molti sacrifici per farmi arrivare qui.