A Cesena passo indietro per il Milan. Giampaolo predica calma: “Serve tempo”

18.08.2019 08:15 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
A Cesena passo indietro per il Milan. Giampaolo predica calma: “Serve tempo”

Il Milan nella sua ultima amichevole pre campionato non è andato oltre lo 0-0 con il Cesena di Francesco Modesto, formazione che milita in serie C. Al di là del pareggio c’è stato un calo di brillantezza e fluidità nel gioco che invece i rossoneri avevano messo in pratica nelle ultime uscite. Contro il Cesena un passo indietro in generale, ma che non spaventa il tecnico Marco Giampaolo, consapevole che la strada è ancora lunga: “E’ chiaro che non possiamo essere brillantissimi. La partita ci dà spunti per capire come migliorare e come lavorare meglio. La strada da percorrere è lunga. Basta un’interpretazione sbagliata, l’idea è sempre di andare avanti ma così si rischia anche. Il gioco ambizioso richiede tempo e puntigliosità”.

Poi passa in analisi del perché i nuovi non hanno ancora giocato e sono stati poco utilizzati fino ad ora: “Siamo particolarmente legati da tanti equilibri sottilissimi che vanno fatti capire a chi ha sostenuto meno allenamenti. Leao l’ho allenato una volta, Bennacer mai, Duarte tre volte, sono giocatori che hanno valore ma che in un pensiero collettivo non sanno nulla, come Paquetà e Kessie.  Quando ho parlato del tempo determinante l’ho detto perché sapevo sarebbe stato così, non cerco scorciatoie”. Chiosa sul problema del gol di Piatek che in tutta l’estate non ha ancora segnato una rete, ma che non preoccupa né la dirigenza e nemmeno l’allenatore. La spiegazione del suo ritardo sulla tabella di marcia è da ricercare nelle difficoltà a smaltire le fatiche durante gli allenamenti “Dai report che abbiamo Piatek ha un indice molto alto che consiste nella percezione della fatica, è quello che la sconta di più e che ci mette di più a smaltirla”.