acmilan - #tbt: un 14 novembre che accomuna Ibrahimovic e Capello

14.11.2019 21:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
acmilan - #tbt: un 14 novembre che accomuna Ibrahimovic e Capello

Il 14 novembre, seconda metà dell'autunno. Una data che sia Zlatan che Don Fabio hanno scolpito nella loro storia. Il gol a Wembley e il gol nel Derby. Il tratto comune del bomber e del Mister plurititolato. Due figure spesso accomunate dai racconti e dalla storia dei due personaggi, visto che spesso si ricorda che i miglioramenti tecnici del gigante svedese sono dovuti anche ai lavori suppletivi che Capello gli imponeva di fare, poco dopo il suo arrivo alla Juve. Il 14 novembre del 1973 è una data crocevia. Nello stesso giorno, le nozze di Anna d'Inghilterra e la prima vittoria della Nazionale italiana di calcio contro l'Inghilterra in tutta la storia del calcio.

Non solo contro l'Inghilterra, ma in Inghilterra, al centro calcistico del Regno, a Wembley, vittoria azzurra nel finale di gara con gol di Fabio Capello. Il centrocampista goriziano non era ancora nel Milan, avrebbe iniziato a giocarci due anni e mezzo dopo, ma in quella storica Italia di Wembley erano comunque presenti due grandi rossoneri come Romeo Benetti e Gianni Rivera. Quarantasette anni dopo, un altro 14 novembre. Siamo nel 2010 e Zlatan Ibrahimović torna a giocare un Derby milanese. Non più con la maglia nerazzurra, ma con quella rossonera. Dopo tre minuti, Ibra segna il gol della vittoria, su rigore, sotto la curva interista. Un gol che consente al Milan di consolidare la sua posizione di squadra capolista del campionato.