Daino: "Una volta risposi a Costacurta in un torello, Capello mi disse di non uscire dalla camera"

05.03.2021 00:36 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Daino: "Una volta risposi a Costacurta in un torello, Capello mi disse di non uscire dalla camera"

Daniele Daino, intervenuto sul canale Twitch del Milan, raccontò un aneddoto risalente al suo passato in rossonero, quando Fabio Capello era l'allenatore del Milan: "Facevamo un torello a Milanello, io partecipavo. C'era anche Seba Rossi, non se ne perdeva uno. Nel torello do una palla rasoterra a Costacurta, molto forte, non riesce a controllarla, così deve andare dentro, mi risponde male: "Oh ragazzino, come la dai quella palla lì? Vai dentro". Io rispettavo i più esperti, ma lì persi la bussola. Gli risposi in maniera grossa, Seba Rossi mi prese di peso e mi portò fino al bosco. Lo dissero a Capello, lui fece uno strillo che si mosse tutto Milanello. Mi chiamò e mi disse di andare nello spogliatoio e di tornare in camera e non scendere in campo. Dovevamo giocare con la Sampdoria, rimasi in camera e sui giornali dissero che avevo un risentimento muscolare. Poi il venerdì ha squillato il telefono, era Capello e mi disse di scendere nel suo ufficio. Mi disse di non rispondere più ad un giocatore più esperto anche se avevo ragione. Alla fine giocai quella partita".