Pagni: "Milan gagliardo ferma una Juve in crisi: di solito con espulsione e rigore vincono facile"

16.02.2020 23:00 di Gianluigi Torre Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Pagni: "Milan gagliardo ferma una Juve in crisi: di solito con espulsione e rigore vincono facile"

Bisogna ammetterlo. Il Bollettino non era ottimista. Temeva il contraccolpo psicologico del derby. Invece, è sceso in campo il Milan del primo tempo , quello che ha cancellato l’Inter dalla faccia della stracittadina, facendo vedere il pallone ai nerazzurri solo nello spogliatoio assieme al the.

Una bella sorpresa vedere che il Milan del secondo tempo, quello carta velina che non ha saputo respingere come si deve i cross buttati dentro per gli arieti nerazzurri, contro la Juve non si è visto.

Anzi, l’impressione è che i rossoneri abbiano imparato la lezione. Non solo hanno ripetuto la prestazione del primo tempo del derby giocando alla pari con la Juventus, vincendo la partita ai punti. Ma lo hanno fatto per tutta la gara, fino al 97, chiudendo in avanti e con l’ultimo tiro in porta a loro favore. Buffon è stato il migliore in campo dei suoi, mentre Donnarumma non ha dovuto fare una parata degna di questo nome.

Una prestazione gagliarda. Forse troppo nervosa. Non bisogna mai cadere nella trappola della reazione per i giochetti i tacchetti e il palleggio irriverente degli juventini. Nè mai bisogna reagire a un fischio sbagliato. Ma magari i rossoneri avessero giocato con la foga, la cattiveria e ricorrendo a qualche entrata come hanno fatto stasera…. nel secondo tempo del derby.

Va detto, però, che la Juve vista stasera non vale l’Inter. A lungo è stata messa sotto dal Milan come da anni non si vedeva. C’è voluta una espulsione e un rigore al 90.o per portare a casa un pareggio. Che con tutta probabilità proietta gli juventini in finale, visto che a Torino mancheranno Ibra, Hernandez e Castillejo. Ma senza quel rigore non avrebbero mai segnato stasera, a dimostrazione di come abbiamo il fiato corto. Perché di solito, quando gli avversari rimangono in dieci e arriva un rigore al 90.0 queste partite la Juventus che conosciamo da anni le vincono facili.

Post scriptum

Se l’interpretazione dei falli di mano è questa, vuole dire che sempre di più (perchè già lo fanno) gli attaccanti entreranno in area tirando non in porta ma agli arti superiori appena sono leggermente staccati. Regola demente e demente chi la applica