Pagelle - Ibra-Rebic, torna l'asse. Calha, due carezze per ritornare

07.02.2021 16:59 di Pietro Mazzara Twitter:    vedi letture
Pagelle - Ibra-Rebic, torna l'asse. Calha, due carezze per ritornare
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Queste le pagelle di Milan-Crotone:

G. Donnarumma 6,5: parata importante su Ounas in avvio di gara. Successivamente fa un buon allenamento nella proposizione ai compagni in fase di costruzione dal basso.

Calabria 6,5: il primo assistente gli toglie il gol a causa del fuorigioco di Ibrahimovic. Spinge tanto, crossa spesso ed è sempre attento. Si toglie il fardello della diffida facendosi ammonire nella ripresa. Tonerà nel derby.

Tomori 6,5: convincente per presenza e scelte. Di Carmine gli scappa solo una volta nel primo tempo quando gli prende il tempo. Ma è un puntino dentro una prestazione di sostanza.

Romagnoli 6,5: Ounas è un bel peperino e deve prendergli le misure. Ma a parte qualche folata, è una partita che tiene sotto controllo. Evitabile il giallo sul 4-0.

Theo Hernandez 7,5: inserisce la modalità treno e travolge tutto e tutti. I giocatori del Crotone non riescono mai a prendergli le misure e quando decide di strappare, fa sempre impressione. Infiocchetta a Ibra l’assist del 2-0.

Kessie 7: il padrone della mediana è sempre lui. Decide quando e come alzare la pressione, quando e come accelerare. Offre sempre un’opzione di passaggio valida.

Meite 6,5: inizia a rilento, poi trova il suo ritmo dentro la partita e fornisce una prestazione soddisfacente contro un avversario che, in mezzo, ha provato a fare qualcosa.

Saelemaekers 5,5: fin troppo elettrico nelle sue giocate tanto da cadere spesso in errore. Si becca anche un cartellino giallo che Pioli non sembra gradire e che gli costa la doccia nell’intervello. (dal 46’ Castillejo 6: un secondo tempo frizzantino, ma la scena se la prendono altri).

Leao 6,5: inaugura la sua partita con un assist di tacco geniale per Calabria, ma tutto viene vanificato dalla posizione di partenza di Ibrahimovic, che era in off side. Entra nel libro di storia dello svedese confezionandogli l’assist per il gol numero 500. Esce sfiorando la rete personale. (dal 61’ Calhanoglu 7: ritorna in campo e fa la gioia di Rebic, confezionandogli i due assist per la sua doppietta).

Rebic 7,5: gigioneggia un po’ nel primo tempo, con qualche errore di posizionamento. Nella ripresa entra con piglio decisamente diverso e prima incorna l’angolo battuto da Calhanoglu per il 3-0 e, sempre su assist del turco, fa 4-0 a pochi metri dalla porta dell’incolpevole Cordaz. (dal 77’ Hauge sv).

Ibrahimovic 8: i gol 500 e 501 arrivano in maniera diversa. Il primo è un triangolo da play station con Leao concluso con un piattone potente e preciso sul palo lungo. Il secondo è comodo comodo, con Theo Hernandez che gli consegna una pallone da spingere in porta. Genera la parata di Cordaz da cui nasce il gol del 4-0 di Rebic. (dal 77’ Mandzukic 6: sfiora il primo gol con la maglia del Milan).

All. Pioli 7: capolista confermato con una vittoria di sostanza. La sua squadra si mette anche in gestione delle energie fisiche e mentali prima di affondare definitivamente sull’avversario.