Pagelle - Implosione Milan: Calha, errori decisivi. Tomori irriconoscibile

26.04.2021 22:44 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
Pagelle - Implosione Milan: Calha, errori decisivi. Tomori irriconoscibile
MilanNews.it
© foto di PhotoViews

Queste le pagelle di Lazio-Milan:

G. Donnarumma 5,5: sui gol ha poco da fare. Ma ne prende tre e non può essere salvato nemmeno lui, che è superlativo per due volte su Immobile.

Calabria 6: quando si vede sbucare Correa nella sua zona, causa buco di Bennacer, è troppo tardi per fermarlo. È sicuramente uno di quelli che non dà la sensazione di avere le pile scariche. (dal 69’ Dalot 5,5: un paio di discese, ma nulla di più).

Kjaer 6: unico baluardo lucido di una squadra letteralmente implosa. (dal 73’ Romagnoli 5,5: non si intende con Tomori in occasione del gol del 3-0 di Immobile).

Tomori 4,5: disastroso. Sui gol della Lazio, c’è la sua firma. Peggior prestazione da quando è arrivato al Milan.

Theo Hernandez 5: recuperato in extremis, ma ha la connessione tra testa e gambe che va a 56k.

Bennacer 4,5: il suo errore, un disimpegno aereo debolissimo, manda in cortocircuito la partita del Milan perché da quell’errore, nasce il gol dell’1-0. Fatica a riprendersi nella fase d’impostazione. (dal 69’ Tonali 5,5: un mancino a fil di palo per farsi notare dentro una serata nerissima per tutto il Milan).

Kessie 5,5: è alla canna del gas, ma il Milan non può fare a meno di lui. Colpisce una traversa nel finale, ma il presidente non è più quello di prima.

Saelemaekers 6: uno dei pochi a salvarsi dalla caduta dell’Olimpico. È quello che crea i maggiori pericoli al sistema difensivo della Lazio. Cerca anche il gol, ma non trova la conclusione a giro. Sacrificato sull’altare dei cambi, un po’ inspiegabilmente. (dal 63’ Brahim Diaz 5,5: impalpabile).

Calhanoglu 5: si divora, letteralmente, due occasioni che potevano cambiare le sorti della partita. La prima dopo 15 secondi, la seconda quando si addormenta sul pallone e non tirando di prima. Un trequartista che chiede 5 milioni all’anno, quei gol, li fa.

Rebic 5: in uno stadio che gli porta bene, sparisce. Dovrebbe essere quello dal quale aspettarsi qualche guizzo decisivo, invece niente. Va a sbattere sistematicamente contro gli avversari e non trova mezza giocata.

Mandzukic 5: la mossa a sorpresa, non sortisce gli effetti sperati. Un paio di sponde, un tiro loffo verso la porta di Reina e poco altro. Peccato per quello che poteva essere e non è stato, soprattutto in questa lotta per la Champions che si complica ulteriormente. (dal 63’ Leao 4,5: non è una cosa accettabile che uno entri con questa svogliatezza. Altroché difenderlo…).

All. Pioli 4,5: il Milan è imploso, davanti ai suoi occhi, giorno dopo giorno. La condizione fisica è a limiti della decenza, il cervello della squadra non dà segnali incoraggianti. Il doppio ko con Lazio e Sassuolo certifica che i problemi sono molteplici perché questa squadra non sa più segnare. Sarà un finale al fotofinish, ma servono delle imprese che – stasera – sembrano essere ciclopiche.