Alex e il nodo dei passaporti: il Milan deve cedere uno dei suoi extracomunitari

04.06.2014 21:00 di Matteo Calcagni Twitter:    vedi letture
Alex e il nodo dei passaporti: il Milan deve cedere uno dei suoi extracomunitari
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il Milan è vicino, anzi vicinissimo, ad Alex Rodrigo Dias da Costa, noto come Alex, difensore trentaduenne in scadenza di contratto con il PSG. Il centrale brasiliano è extracomunitario: una caratteristica che obbligherà il club rossonero a liberare uno slot per "non passaportati". In che modo? Cedendo all'estero uno dei giocatori extracomunitari facenti parte della rosa o attualmente in prestito in altre squadre. I calciatori in questione sono i seguenti: Gabriel, Honda, Muntari, Robinho, Zapata, a cui si aggiungono Diniz, Oduamadi, Vergara e Hottor, squalificato per un anno dopo i fatti di Salernitana-Nocerina. Lo scorso anno il Milan liberò gli slot per Vergara e Honda con i trasferimenti di Yepes (scadenza di contratto) e Taiwo, ceduto a titolo definitivo al Bursaspor. Tenendo conto dell'imminente approdo di Alex, è probabile che il Milan abbia già in mente come crearsi l'obbligato spazio.

CESSIONI ALL'ESTERO - Degli elencati sopracitati, uno di quelli più "orientati" alla cessione sembra Robinho, per il quale sono già emerse alcune ventilate pretendenti. Non si tratterà comunque di un processo rapidissimo, visto l'ingaggio corposo attualmente percepito dal brasiliano (2 milioni netti circa fino al 2016). Sarà meno complicato liberare giocatori come Oduamadi e Vergara, più giovani e meno "costosi" dal punto di vista dello stipendio: dovranno però presentarsi club stranieri disposti ad acquistarli a titolo definitivo, obbligando il Milan a farli uscire dalla propria orbita.

GLI ALTRI EXTRACOMUNITARI - Gabriel ha ottenuto il "benestare" di Galliani e quasi certamente resterà in rossonero, così come Muntari, la cui permanenza è senz'altro obbligata dopo l'infortunio a Riccardo Montolivo. Meno certezze su Honda e soprattutto Zapata, visto l'arrivo di Alex e la volontà di trattenere Rami. Tutte le valutazioni del caso tuttavia verranno effettuate soltanto dopo il Mondiale, quando il Milan probabilmente cercherà di liberare il secondo slot per gli extracomunitari.