Gazzetta - Milan, senza Europa il club perderà tra i 20 e i 50 milioni: sarebbbe un duro colpo per i conti e per il progetto di Elliott

06.11.2019 07:56 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Gazzetta - Milan, senza Europa il club perderà tra i 20 e i 50 milioni: sarebbbe un duro colpo per i conti e per il progetto di Elliott

L'obiettivo del Milan ad inizio stagione era arrivare tra le prime quattro e tornare così finalmente a giocare la Champions League: si tratterebbe di un traguardo molto importante sia a livello sportivo ovviamente, ma anche a livello economico visto che giocare la massima competizione europea porterebbe parecchi milioni nella casse milaniste. Purtroppo, l'avvio di campionato del Diavolo è stato molto negativo e raggiungere il quarto posto appare ormai un'impresa quasi impossibile. 

COPPE EUROPEE - Come riferisce questa mattina La Gazzetta dello Sport, senza la qualificazione alla prossima Champions League, il club di via Aldo Rossi perderebbe almeno una cinquantina di milioni di euro, considerando gli incassi allo stadio per tre partite sicure, gli eventuali bonus degli sponsor e i 40 milioni minimi di premi Uefa (tra partecipazione ai gironi, market pool e ranking storico, al netto di ulteriori scatti da vittorie/pareggi nel gruppo o avanzamenti alle fasi successive). Per quanto riguarda invece l'Europa League, gli introiti minimi si possono stimare in 15-20 milioni.

IMPRESA DIFFICILE - Non raggiungere la qualificazione ad una competizione europea a fine campionato non sarebbe solo un problema per i conti della società milanista, ma anche un duro colpo per l’intero progetto di rilancio di Elliott. La continua assenza dal calcio europeo di alto livello ha depauperato il marchio rossonero, come testimoniano i circa 30 milioni bruciati in campo commerciale, tra sponsorizzazioni, pubblicità e merchandising, dal 2015 al 2019. Arrivare in Europa è quindi fondamentale per il futuro prossimo del Milan, ma visto l'inizio di stagione dei rossoneri l'impresa che attende Pioli è davvero complicata.