Ibrahimovic: "Il Milan aveva bisogno di me. Infortunio? Niente di grave, solo una o due settimane"

25.11.2020 11:30 di Gianluigi Torre Twitter:    vedi letture
Ibrahimovic: "Il Milan aveva bisogno di me. Infortunio? Niente di grave, solo una o due settimane"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Zlatan Ibrahimovic si è raccontato ai microfoni di Sport Bladet. Queste le sue parole: "Ogni volta che esco in campo, ogni volta che indosso le scarpe da calcio, dico: "Wow! Questo è quello che voglio fare! Questo è quello che farò, questa è la mia passione, questo è il mio migliore amico, il calcio. Senza di lui, non sarei quello che sono. Senza di lui, non posso diffondere gioia. Senza di lui mi sento perso”.

Sull'infortunio: "Non è niente di grave. Solo una o due settimane".

Sulla nazionale svedese: "Mi manca la Nazionale? Sì. Voglio vedere la Friends Arena piena e con la maglia gialla della nazionale. Se mi manca? Ovviamente. Quello a cui non manca nulla ha già concluso la sua carriera. E io non ho finito la mia carriera".

Sul Coronavirus: "Non è stato grave, solo un paio di settimane. Mi fecero abbandonare l'allenamento, feci un sacco di domande. Mi hanno rifatto il test tre volte per essere sicuri, così sono rimasto a casa. Dopo tre giorni avevo mal di testa, ma non ho capito se era dovuto all'essere intrappolato, ripetevo le stesse cose tutto il tempo. Poi ho iniziato ad avere mal di schiena quando dormivo: mi svegliavo alle tre del mattino, dovevo prendere delle pillole: sono contrario ma dopo dieci minuti i dolori erano scomparsi. Al quinto giorno non sentivo più i sapori, né del cibo, né del caffè. Ho cominciato ad allenarmi solo dopo una settimana: prima non ci riuscivo, nonostante avessi un piano per allenarmi in casa come chiunque risulti positivo. Mi stancavo subito, ma era voluto perché volevo far funzionare il cuore e aumentare il battito cardiaco. Non ho avuto altri sintomi. Ora ho riavuto il gusto ma l'olfatto non è ancora al 100%. È una seccatura ma potrebbe essere anche un raffreddore. Cosa fare? Dobbiamo continuare a vivere, sapendo che il coronavirus fa parte delle nostre vite, come l'influenza".

A 39 anni segna più di Lukaku e Ronaldo: "Sento che sono ancora vivo, posso esibirmi e ottenere ciò in cui sono bravo. Poi i risultati parlano da soli, ed è un onore ogni volta che vinci il Pallone d'Oro. Ma senza il duro lavoro non ottieni nulla in cambio. A questa età c'è molta mentalità. Poi ho le mie qualità, il mio talento, ma penso che sia tutto nella mia testa. Se vuoi, puoi".

Un giocatore diverso: "Mi sento bene. Dico sempre che divento sempre migliore e più completo ogni giorno che passa, ed è esattamente quello che dico. Dieci anni fa ero un giocatore, cinque anni fa ne ero un altro. E penso di avere l'intelligenza che mi fa adattare il mio corpo a quello che posso. La gente dice che oggi non corro molto, ma scelgo le mie corse ora in modo da poter aiutare la squadra nel miglior modo possibile. E poi ho un allenatore che adatta il gioco a quello che posso".

Su Pioli e la gestione in campo: "Mi salva nel gioco difensivo, ma nel gioco offensivo sono libero. E quando attacchiamo sento: "Devo scendere e prendere palla come dieci anni fa, o devo restare in piedi?". Dove aiuto di più la squadra? Questo è ciò che intendo quando dico che ho adattato il mio gioco a quello che posso. Questa energia, questa condizione, questa corsa nelle gambe. Se potessi correre 90 minuti senza sosta, l'avrei fatto, ma non posso. Sono onesto con me stesso e non posso. Quando eseguo una corsa, ci vuole un po' più di tempo per recuperare. Ma scelgo io quando farlo e mi sacrifico per la squadra quando devo sacrificarmi, quindi..."

In molti lo hanno sottovalutato: "Penso che molti lmi abbiano sottovalutato, in quanto mi vedono come un ego. In ogni caso, all'inizio era così: "Lui è un ego, pensa a se stesso, si sarebbe adattato lì". Ma queste sono fasi che attraversi, si tratta anche di esperienza. Ricordo di aver detto diversi anni fa che vedo situazioni che accadranno. Quando lo dici, suona strano, ma è così quando suono. Vedo cosa penso che accadrà, cosa voglio che accada, prima che accada. È più visibile ora e lo sto facendo molto di più ora perché devo adattarmi ed essere più intelligente nel mio gioco".

L'età è solo un numero: "Quello che ripeto tutto il tempo è che mi alleno molto duramente. Mi preparo molto, molto bene. Nel mio programma sono molto professionale. Ho messo tutto il tempo possibile per mantenermi in forma ed essere fresco. C'è molto nella mia testa. E poi ho messo un'altissima pressione su me stesso. Molto. La mia squadra ora è una delle squadre più giovani d'Europa. E mi metto nella situazione in cui voglio essere paragonato a chi ha quell'età. Non voglio che sia un vantaggio solo perché sono più vecchio. 

Sulla chiamata con Raiola: "Volevo aprire un nuovo capitolo della mia vita. Stare con la famiglia ogni giorno, seguire i miei figli. Poi Mino Raiola mi ha detto 'Devi chiudere in Europa! Devi dimostrare di essere ancora a un livello alto, puoi farlo! Fai solo sei mesi a Milano, dopodiché puoi smettere. È troppo facile smettere negli Stati Uniti'".

Sul Bologna: "Mihajlović si è ammalato. Gli ho parlato e lui ha detto: 'Vieni a Bologna'. Ho detto: 'Ascolta! Per te vengo gratis, nessun problema. Io verrò ad aiutarti.  Però sarò onesto ... Non sono lo Zlatan di dieci anni fa, quello che eri abituato a vedere. Ora sono una persona completamente diversa'". 

Sulla scelta di tornare al Milan: "Prima di Natale, il Milan ha perso malamente contro l'Atalanta e così mi hanno chiamato. Quindi c'erano Milan e Bologna. Mi sono detto: 'Dove posso avere la massima adrenalina?'. Ogni giorno quando ti svegli alle otto hai dolore al corpo, ma devi andare in palestra e fare tutto quello che fai per sentirti in forma. Per affrontarlo ogni giorno devi far pompare l'adrenalina, devi essere motivato. Devi avere obiettivi da raggiungere. E nel mio caso non è un contratto. Allora ho detto a Mino: 'Chi ha più bisogno di me?'. E lui mi ha semplicemente risposto: 'Il Milan! Solo tu puoi fare del Milan quello che era il Milan tanti anni fa'". 

Sull'arrivo al Milan: "Nella mia testa avevo uno scenario ben preciso. La sfida che avevo davanti non era impossibile, perché niente è impossibile, ma era comunque molto difficile in questa situazione. Tutti dicevano: 'Ha 39 anni! Cosa farà lì?'. Ricordo la prima domanda che mi hanno fatto in conferenza stampa quando ho firmato per il Milan: 'Tutti quelli che sono tornati al Milan hanno fallito, perché dovresti riuscirci?'. Io ho semplicemente risposto: 'Perché non ho mai perso la passione per quello che faccio'. Quando sento dire che la gente non capisce cosa posso fare a 39 anni è esattamente ciò che mi innesca e mi fa venir voglia di fare di più. Questo è il motivo per cui mi alzo alle sette ogni mattina quando mi fa male tutto il corpo. È ora che devo dimostrare che posso, che lo farò, che voglio. È la pressione che metto su me stesso, è quella la sfida. Quando è così difficile e tu riesci ancora, la sensazione che provi è impossibile descriverla". 

Sulle questioni extra-campo: "Cerco di concentrarmi poco su ciò che accade fuori dal campo. A chi guida il club ho detto: 'Il mal di testa che hai lì non trasmetterlo in campo perché poi non si può lavorare tranquilli'. E i primi sei mesi dopo il mio arrivo non sono stati facili, non sapevo se Pioli sarebbe rimasto e nemmeno io conoscevo il mio futuro. Il club voleva cambiare la filosofia e le linee guida senza nemmeno nemmeno darci la possibilità di ricostruirci, di ottenere i risultati e di lavorare. La squadra è stata condannata prima ancora di averle dato la possibilità di farlo. Ma è così che abbiamo iniziato, passo dopo passo, la nostra crescita e oggi siamo forti". 

Sulla sua leadership: "Sono cresciuto sempre di più in questo aspetto. Che cos'è un leader? Ci sono leader in modi diversi. Ho sentito commenti in Svezia: 'Fa gesti in campo'. Prima di tutto, io sono quello che sono. Non posso cambiare il mio aspetto, non posso cambiare la persona che sono, il mio stile di gioco è così com'è. Reagisco in base a chi sono. Ognuno ha il proprio profilo, siamo leader in modi diversi. Se chiedo molto? Sì. Se spingo tanto? Sì. Se accetto un passaggio sbagliato? No. Io sono così e la mia squadra mi capisce. Tutti mi hanno capito. È solo in Svezia che dicono: 'No, fa gesti qua e là?'. Qui invece non succede. Tutto quello che faccio è ottenere il massimo, una reazione. Vengo al Milan e loro  vogliono  che sia così. Dicono: 'Fai quello che devi fare, noi ti seguiremo'". 

Su Roback: "È il futuro della Svezia, te lo posso dire adesso. È un giocatore di un livello completamente diverso. E questo è un esempio, non è un tipico giocatore svedese. È un giocatore completamente diverso ed è cresciuto ad Hammarby. Ed è di questo che sto parlando. Abbiamo diversi giocatori ad Hammarby che saranno qualcosa, devono solo avere la possibilità".

Sul giocare nell'Hammarby: "Ne abbiamo discusso questa estate. O venivo al Milan o Hammarby. Sono stato vicino, se non fossi andato al Milan sarei andato a giocare all' Hammarby. L'unica cosa era che non avrei avuto il numero 10, perché è un certo Kennedy che ce l'ha. Quello era l'unico desiderio (ride, ndr). Se l'Hammarby può diventar un'opportunità per il futuro? Sì. Siamo consapevoli della situazione".