Juve-Milan, Pioli studia le possibili soluzioni per il match di Coppa Italia

02.06.2020 20:00 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
Juve-Milan, Pioli studia le possibili soluzioni per il match di Coppa Italia

Il 13 giugno, data ancora da confermare ma che sembra ormai molto probabile, i rossoneri torneranno in campo dopo uno stop obbligato di tre mesi. Si avvicina quindi Juventus-Milan, semifinale di ritorno di Coppa Italia. Dopo l'1-1 dell'andata il Milan andrà a Torino per cercare di strappare un biglietto per la finale del torneo. Ovviamente non sarà affatto facile: oltre alla situazione legata al lungo stop e tutte le incognite relative alla tenuta fisica dei giocatori, mister Pioli dovrà far fronte a numerose assenze. Assenze che definire pesanti è dir poco: l'allenatore rossonero dovrà fare a meno degli squalificati Ibrahimovic (ma lo svedese starà fuori a lungo per infortunio), Theo Hernandez, Samu Castillejo e dell'infortunato Leo Duarte. Sebbene le scelte possano sembrare quasi obbligate Stefano Pioli sta pensando a diverse soluzioni per giocarsi al meglio la sfida contro la squadra allenata da Maurizio Sarri, analizziamole nel dettagli:

CLASSICO - C'è l'opzione 4-2-3-1, marchio di fabbrica del tecnico parmense. Questo assetto tattico, che con l'arrivo di Ibra è stato quello più utilizzato dai rossoneri, è paradossalmente quello con meno certezze, a partire dalla difesa. La coppia centrale sarà composta da Romagnoli e Kjær, con Conti a destra e uno fra Laxalt e Calabria a sinistra. In mediana ci sarà l'ormai rodato duo Bennacer-Kessie, e un trio offensivo con Bonaventura-Calhanoglu-Rebic dietro Leao. Una possibile variante potrebbe essere quella di far scendere Paquetá in campo fin dal primo minuto e schierarlo da "10" a ridosso del centravanti, che sarebbe Rebic, e Calhanoglu spostato sulla sinistra.

RITORNO - Un'altra soluzione da prendere in considerazione sarebbe quella del 4-3-3, modulo utilizzato a più riprese dai rossoneri nelle ultime stagioni. Qui le scelte sarebbero molto più definite, con un centrocampo formato da Kessie, Bennacer, Calhanoglu e un attacco molto offensivo con Jack e Rebic sugli esterni e Rafael Leao unico riferimento centrale.

IL TREQUARTISTA - Altra possibilità nella mente di Pioli è quella di scendere in campo un 4-3-1-2 compatto e con tanta intensità in mezzo al campo: linea centrale da tre composta da Kessie, Bennacer e Jack, con Calhanoglu trequartista dietro le due punte Leao e Rebic. Nei prossimi giorni la situazione sarà più chiara, ma ad oggi sono queste le possibilità che l'allenatore rossonero sta prendendo in considerazione.