LIVE MN - Approvazione del bilancio: rosso di 91 milioni. Confermate le composizioni di CdA. Le parole di Galliani...

28.04.2015 16:32 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonio Vitiello
LIVE MN - Approvazione del bilancio: rosso di 91 milioni. Confermate le composizioni di CdA. Le parole di Galliani...

17.05 - Viene dichiarata sciolta l'assemblea.

17.02 - Confermato anche il Collegio Sindacale per i prossimi tre esercizi di bilancio:

Presidente: Francesco Vittadini
Sindaci Effettivi: Achille Frattini-Francesco Antonio Giampaolo
Sindaci Supplenti: Claudio Diamante-Giancarlo Povoleri

16.56 - Viene nominato il Consiglio d’Amministrazione del club, che sarà composto da 9 elementi, con mandato annuale:

Barbara Berlusconi, Paolo Berlusconi, Leonardo Brivio, Pasquale Cannatelli, Leandro Cantamessa, Alfonso Cefaliello, Giancarlo Foscale, Adriano Galliani e Antonio Marchesi.

Vice Presidente vicario: Adriano Galliani
Emolumento annuo lordo relativo al CdA: 3,025 milioni, aumentato di 500 mila euro rispetto all'anno scorso.

16.50 - Approvato il bilancio, 5 azionisti votano contro.

16.47 - Galliani sul consolidato: "Non c'è nesso tra un'eventuale cessione del Milan e il fatto che il club non vada in conslidato. Fininvest, per motivazioni proprie, ha scelto di non consolidare le perdite del Milan nel proprio bilancio. L'azionista ha fatto questa scelta ed ha già immesso tutto il denaro per andare avanti. Nessun nesso con la cessione del club".

16.39 - Galliani risponde: "Capisco bene cosa vuole dire. C'è Fininvest che ha investito cifre iperboliche portado il Milan a risultati strepitosi fino a due anni fa. Quando si giocava Milan-Cavese, non c'erano le dirette tv e se volevi vedere le partite, dovevi andare allo stadio. Noi abbiamo acquisito il Milan il 20 febbraio 1986 e con un sforzo ciclopico, Berlusconi ha ottenuto i risultati che ha ottenuto. Non posso dire nulla sulla cessione, ma posso dire che cosa più preme al Presidente è il bene per il Milan. Sicuramente, se mai si dovesse arrivare ad una cessione, cosa che è tutt'altro che certa, verrà fatto solo per il bene del Milan. In questo momento le cose non fanno contenti nessuno, ma rimane tutto quello che è stato fatto. Sulle scelte del doppio ad, è una scelta dell'azionista, che ha il dovere di gestire la società come meglio crede".

16.31 - Prende la parola l'azionista Giuseppe Lascala: "Ciò che mi dispiace, in queste occasioni, è che è l'ad evita questa sede per chiarire, non tanto ai soci, ma al mondo Milan, cosa si pensa di fare per il futuro. Oggi, più che approvare un bilancio, che è il peggiore della nostra storia, abbiamo un problema di prospettiva. E questo spiace. C'è un programma per rifondare la squadra? Mi piacerebbe che questo venga detto. La relazione del bilancio non parla dello stadio. C'è una comunicazione scinta. E poi c'è il tema della cessione delle quote della società. I proprietari del Milan sono i custodi pro tempore di una storia. Su che base verrà fatta la cessione? Eravamo più abbonati in B con la Cavese rispetto a quest'anno. Non c'è chiarezza su cosa succederà al futuro. Nelle assemblee non si spiega mai niente".

16.25 - Galliani risponde a Gatti: "E' chiaro ed evidente che in una società sportiva che se non arrivano i risultati, è tutto sbagliato. Vorrei ricordare che il Milan, fino all'anno scorso, abbiamo fatto 13 anni di Champions League e 2 anni di Coppa Uefa. Un anno fa stavamo facendo la Champions. Allegri, nei primi tre anni ha fatto un primo, un secondo e un terzo posto. Ha passato quattro volte il girone di Champions League. Per quanto riguarda i 6 mesi di Allegri dell'anno scorso, siamo andati male in campionato, ma abbiamo superato il girone di Champions. Nel girone di ritorno abbiamo fatto 35 punti che, se fossero stati fatti nel girone d'andata, ci avrebbero portati a ridosso della Champions. Quest'anno le cose non stanno andando bene, la posizione di classifica non ci riempie di gioia. I paragoni con Farina mi sembrano ingenerosi, visto che con Berlusconi il Milan ha vinto 28 trofei. E' vero che bisogna guardare avanti, ma la storia rimane. La volontà del presidente è chiara. Fininvest copre integralmente tutte le perdite, non solo per il 99,3%. Più di quello che sta facendo la Fininvest, non lo ha fatto nessuno. Si spera che le cose migliorino. Cercheremo di trovare delle soluzioni nel mercato estivo".

16.20 - Gatti a Galliani: "Uno deve capire quando è arrivato il tempo di mollare. Confermare Allegri è stato un errore. Siamo andati a prendere Seedorf in Brasile, che non aveva mai allenato e dopo sei mesi lo abbiamo mandato via. I giocatori hanno fatto i sindacalisti. Così non si vince più. Negli utlimi anni stiamo facendo i risultati del Milan di Farina. Ma quel Milan aveva dei campioni come Baresi, Tassotti, Maldini e FIlippo Galli. In attacco c'era Virdis. Quali sono i campioni sui quali ricostruire la rosa?".

16.18 - Ancora Galliani: "Non sappiamo cosa succederà dal 2015 in poi e non è detto che se le cose dovessero andare in un certo modo, potremo recuperare sia i 21 che i 16 milioni. Non è una cosa irreversibile. E' una cosa che ci auguriamo tutti che possa essere recuperata".

16.14 - Galliani sui 21 milioni in più nel debito: "Sono tutti riferiti al 2013. Noi restituiamo il 2013. Quando ci si consolida. Fininvest ha ritenuto che il Milan non fosse consolidato. Dal 2013 viaggiamo con le nostre gambe. Non abbiamo più la possibilità di recuperare le perdite. Non ci consolidiamo per la prima volta (16.4 milioni) e restituiamo a Fininvest i benifici fiscali. I 7.5 sono gli enori del precedente allenatore. Senza queste novità, avremmo perso 46,4 milioni, che è quello che accade quando non si va in Champions League. Se l'avessimo fatta, avremmo avuto la stessa perdita degli anni passati. Dunque, ci sono poste non ordinarie e novità che hanno portato questo passivo"

16.13 - Fininvest ha ripianato le perdite con 99 milioni così suddivisi: 53 milioni con versamento in conto capitale o copertura perdite 46 milioni per parziale utilizzo del versamento in conto capitale, già effettuato il 20 marzo 2015 per un totale di 60 milioni.

16.08 - Per l’anno 2014, il Milan presenta una perdita di 91,3 milioni. A parità di condizioni rispetto agli anni passati, il bilancio avrebbe comportato una perdita di 46,4 milioni. Ad aumentare il divario hanno provveduto: 21 milioni di euro per gestione straordinaria e 16 milioni per la mancata partecipazione della Champions. 7.5 milioni sono stati liquidati per ex dipendenti esonerati.

16.05 - Assemblea regolarmente convocata in prima convocazione. Rappresentate il 99,5% delle azioni del club.

16.04 - Assenti giustificati Barbara e Paolo Berlusconi. Presenti i membri del CdA Cefaliello, Marchessi e Cantamessa.

16.00 - Al via l'assemblea: assume la presidenza, Adriano Galliani.

15.49 - Inizia a riempirsi la sala "Beppe Viola" al terzo piano di Casa Milan. Tra i piccoli azionisti c'è, come sempre, Giuseppe Gatti, noto per le sue domande "scomode" alla dirigenza rossonera in ogni assemblea.

15.45 - Il debito dell'esercizio di bilancio sarà di 91 milioni di euro: 70 di perdite ai quali andranno aggiunti i 21 di gestione straordinaria. A conti fatti, il passivo più ampio della gestione Berlusconi.

Amici di MilanNews,it benvenuti da Casa Milan alla diretta dell'assemblea degli azionisti del Milan nel corso della quale verrà approvato il bilancio del 2014 del Milan.