Pellegri, il Milan ha bisogno del classe 2001: la Salernitana può essere l'occasione per riscattarsi

03.12.2021 16:00 di Pietro Andrigo Twitter:    vedi letture
Pellegri, il Milan ha bisogno del classe 2001: la Salernitana può essere l'occasione per riscattarsi
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Era un concetto ai più conosciuto ma Pioli ha voluto ribadirlo: nel Milan le gerarchie sono temporanee e tutti i giocatori della rosa sono fondamentali per raggiungere l'obbiettivo della vittoria. In questo senso, tenendo fede a questa realtà, anche Pietro Pellegri e il suo contributo sono e saranno importanti per i rossoneri che dopo il successo sul Genoa cercano il bis con la Salernitana. Il giovane attaccante classe 2001, arrivato in estate dal Monaco, non ha ancora mostrato il suo potenziale sia perchè chiuso dai veterani Ibrahimovic e Giroud sia perchè incapace di incidere a gara in corso. Nonostante i tanti infortuni passati e nonostante alcune prestazioni in ombra, il Milan e il tecnico emiliano credono nel giocatore e con la Salernitana Pellegri potrà riscattarsi cercando di guadagnare concretamente la fiducia di Pioli.

POSSIBILE CHANCE DAL 1' - Complici le indisponibilità di Giroud e Rebic e l'imminente partita con il Liverpool di settimana prossima, Pietro Pellegri potrebbe trovare una chance dall'inizio con la Salernitana. Ibrahimovic, infatti, ha bisogno di riposare in vista del match di Champions League e il classe 2001, considerato la sua non iscrizione alla lista europea, è il candidato più accreditato per prendere il posto dallo svedese. Con la Salernitana, in particolare, Pioli sta pensando alla titolarità del classe 2001 e in questo senso Pellegri potrebbe avere sin da subito l'occasione di incidere nel match cercando di sfruttare le sue qualità in campo aperto e la sua fisicità dentro l'area. 

ESIGENZA DI RISCATTO - Ragionando sul lungo periodo, la partita con la Salernitana per Pellegri non potrebbe essere solo l'occasione di riscatto per questo avvio di stagione ma anche per le ultimi annate complicate. Reduce da diversi problemi fisici il classe 2001 da tempo non incide da protagonista nel calcio che conta e ripartire con una buona prestazione, con un assist o anchecon  un gol potrebbe essere una grande iniezione di fiducia sia per il presente che per il futuro del giocatore. La visione rossonera che aveva accompagnato l'investimento di Pellegri, poi, prevedeva il suo impiego in questi match sicuramente più abbordabili di altri ma ugualmente complicati e da vincere con grande convinzione. Il classe 2001, quindi, non solo dovrà riscattarsi a livello personale ma anche certificare la bontà della scelta della dirigenza milanista.