Sporco e cattivo, il Milan di Gattuso è sempre più squadra: numeri scarsi, ma la crescita è evidente

01.01.2018 08:00 di Salvatore Trovato  articolo letto 18701 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Sporco e cattivo, il Milan di Gattuso è sempre più squadra: numeri scarsi, ma la crescita è evidente

Ha ridato un’anima al Milan. E scusate se è poco... È vero, il gioco espresso fin qui non è stato eccellente, così come i risultati, che hanno lasciato spesso l’amaro in bocca. Ma la squadra, la sua squadra, ha finalmente dato l’impressione di essere sul pezzo. Gennaro Gattuso ci ha messo del suo, (ri)partendo praticamente da zero, ovvero dalla preparazione atletica.

MATURITA’ - Il bottino sulla panchina rossonera è tutt’altro che di rispetto: una vittoria, due pareggi e altrettante sconfitte in campionato (contro avversari alla portata), un ko (inutile ma fastidioso) in Europa League col Rijeka e un doppio successo in Coppa Italia fra Verona e Inter. Alti e bassi, insomma, ma i risultati, come detto, lasciano il tempo che trovano. Meglio analizzare il resto, evidenziando la crescita (caratteriale e fisica) di un Milan oggi più solido e maturo.

RIVOLUZIONE - "Prendetevela con me, ma lasciate stare i calciatori". Rino ci ha messo faccia e lavoro, tanto lavoro. Il suo Milan non sarà bello da vedere, ma comincia a somigliare seriamente a una squadra. Il pareggio di Firenze, in tal senso, è significativo: mai i rossoneri erano riusciti in questa stagione a riacciuffare il risultato dopo essere passati in svantaggio. Ora sotto col Crotone per cominciare il 2018 con un nuovo spirito. La rivoluzione continua.