Uno scambio che ha portato ad una sola ora di gioco. Lanciare Rebic è tra le mission di Pioli

12.10.2019 14:31 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Uno scambio che ha portato ad una sola ora di gioco. Lanciare Rebic è tra le mission di Pioli

Mentre André Silva ha giocato (e segnato) in Germania, Ante Rebic ha disputato soltanto 63 minuti in rossonero nonostante sia stato sempre a disposizione di Marco Giampaolo. Presto, molto presto, per dire chi ci abbia guadagnato dallo scambio, ma è evidente che la partenza in rossonero del croato sia un vero e proprio punto interrogativo: l'ex Eintracht gioca titolare in Nazionale ma in rossonero fin qui non ha trovato spazio. E questo non si può certo imputare ad una solida quadratura di squadra precedente all'arrivo del croato, viste le difficoltà incontrate in queste settimane.

LO SCAMBIO - Sicuramente, e a questo punto si può affermare con cognizione di causa, Ante Rebic non era certamente il profilo più adatto per il gioco di Giampaolo. Perché acquistare un esterno offensivo per una squadra che era partita col 4-3-1-2? Evidentemente il mercato ha prodotto questa occasione, ma l'equivoco a livello tattico appariva piuttosto evidente anche al momento dell'annuncio. Questo non significa che il classe '93 non possa tornare utile per Pioli e, parimenti, dare un senso all'operazione di mercato chiusa al fotofinish.

CON PIOLI - In attesa di avere la riprova sul campo, la sensazione è che Stefano Pioli voglia schierare il Milan con un 4-3-3 o, in alternativa, un 4-2-3-1. Entrambi gli schieramenti potrebbero vedere l'inserimento di Rebic, sebbene vada ricordata la concorrenza con Bonaventura e lo stesso Leao, qualora il tecnico emiliano decidesse di schierare insieme il portoghese e Piatek. Un'alternativa, che potrebbe dare una scossa tattica, sarebbe adattare il croato a destra al posto di Suso: lo spagnolo fin qui è stato tutt'altro che positivo, anche se Pioli ha fatto capire di ritenerlo centrale al suo progetto. Provare qualcosa di diverso però non costa nulla, visto quanta difficoltà ha trovato il Diavolo in questi primi mesi della stagione.