Pedullà: "Veretout-Roma, incontro alle 15. Il Milan e tutti i retroscena dello stand-by"

16.07.2019 13:02 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
Pedullà: "Veretout-Roma, incontro alle 15. Il Milan e tutti i retroscena dello stand-by"

Ci sarà un motivo se oggi, 16 luglio, non è stato ancora completamente risolto il tormentone Veretout. Il motivo è questo: il centrocampista viola ha messo il Milan in cima alle preferenze, ma i continui rinvii – che spiegheremo – possono favorire definitivamente il sorpasso Roma. Oggi alle 15 ci sarà un incontro tra l’amministratore delegato Fienga, il direttore sportivo Petrachi e Mario Giuffredi, agente del centrocampista. Tutto partì da Roma il 24 giugno, come raccontammo nei dettagli, dopo il summit con il Milan della settimana precedente, era il 17, che non portò alla fumata bianca. Il Milan ha rivisto la Fiorentina la scorsa settimana, ma non riesce a chiudere, continui rinvii che a questo punto possono agevolare il club giallorosso. Veretout aveva messo il Milan in cima ai desideri, ma non può più aspettare e chiaramente accetterebbe la Roma. Lo scrupolo del Milan è legato a Biglia: dopo aver offerto 18 più 2 milioni nell’ultimo summit ha cambiato idea e continua a rimettere Biglia nell’affare, ma i viola non ci sentono. Evidentemente basterebbe confermare quell’offerta per chiudere l’operazione, ma ci sono diktat – legati al budget – che il Milan deve rispettare. La famosa cessione importante non è arrivata, da qui le profonde riflessioni. Il Milan ha preso Theo Hernandez pur avendo tre terzini sinistri, ma ritiene che senza l’uscita di Biglia la priorità Veretout non sia più tale. Con Veretout il Milan era d’accordo su tutto: 2,5 milioni a stagione. La Roma cercherà gli accordi definitivi in giornata, in modo poi da chiudere entro un paio di giorni con la Fiorentina che ha accettato la proposta in linea con quella che aveva fatto il Milan prima di tornare indietro e di rimettere Biglia come contropartita. Ora la Roma pensa di avere le chiavi in mano, dopo l’incontro del 24 giugno ritiene che l’incontro di oggi sia quello giusto per mettere a posto l’operazione Veretout. Né il francese ha intenzione di aspettare oltre, è già trascorso troppo tempo. Soltanto il Milan potrebbe rimescolare le carte e ribaltare, ma soltanto se decidesse di cedere Biglia in un secondo momento, prendendo intanto Veretout. Aggiornamenti nel pomeriggio.