ESCLUSIVA MN - Jacobelli: “Donnarumma via solo per un’offerta congrua, il Milan non ha fretta di cederlo. Mercato? Serve un grande bomber”

16.05.2018 12:00 di Enrico Ferrazzi Twitter:   articolo letto 35315 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA MN - Jacobelli: “Donnarumma via solo per un’offerta congrua, il Milan non ha fretta di cederlo. Mercato? Serve un grande bomber”

Per commentare le ultime novità in casa rossonera, la redazione di Milannews.it ha contattato in esclusiva Xavier Jacobelli, direttore di Tuttosport. Con lui abbiamo parlato del caso Donnarumma, del mercato estivo del Milan e del lavoro svolto in questi mesi da Rino Gattuso. Ecco le sue parole:

Partiamo dal caso Donnarumma. Secondo lei la cessione è l’ipotesi più probabile?

“La cessione sarà un’ipotesi concreta se al Milan arriverà un’offerta congrua. Non va dimenticato che Donnarumma è un patrimonio della società nonostante nelle ultime due partite abbia commesso qualche errore. Dopo la fine del campionato, bisognerà capire se arriveranno offerte all’altezza delle aspettative del Milan. Non dobbiamo mai dimenticare che stiamo parlando di un ragazzo di soli 19 anni che ha già oltre 100 presenze con la maglia rossonera. Al termine della stagione, il Milan valuterà eventuali offerte. Al momento, però, in via Aldo Rossi non è arrivata nessuna proposta per il portiere milanista”.

Lei ha parlato di offerta congrua. Qual è secondo lei il valore economico di Donnarumma?

“I prezzi dei cartellini dei giocatori li fa il mercato. È evidente che, rispetto ad un anno fa, tenendo conto della stagione altalenante di Donnarumma, ci sia stato un calo della sua valutazione. Bisogna vedere che offerta arriverà, che modalità di pagamento verrà scelta. Io penso che il Milan non ha nessun fretta, ora Donnarumma deve solo pensare a chiudere al meglio la stagione con una grande prestazione contro la Fiorentina e poi verranno fatte tutte le valutazioni del caso. Ho letto le dichiarazioni del ds Mirabelli e sono perfettamente d’accordo con lui: il Milan non ha nessun fretta di cedere Donnarumma. Il club rossonero si è cautelato con Reina, tornerà Plizzari dalla Ternana, quindi credo che sul fronte portieri sia assolutamente coperto”.

Per quanto riguarda il mercato estivo, la priorità del Milan deve essere un grande centravanti?

“Assolutamente sì. Il problema principale del Milan di questa stagione è stato proprio questo. E’ vero che l’attacco dei rossoneri ha segnato 51 gol, però se lo paragoniamo con quello delle altre formazioni della Serie A è evidente che il problema va risolto comprando un grande centravanti”.

Secondo lei Gattuso ha fatto il massimo con questa squadra?

“Gattuso ha fatto benissimo, ha lavorato molto bene. Non dobbiamo dimenticare la situazione del Milan a fine novembre quando Rino ha preso in mano la squadra. Il fatto che la società lo abbia confermato con un programma a lunga scadenza la dice lunga sulla fiducia che nutre in Gattuso. Come abbiamo scritto oggi su Tuttosport, voglio anche mettere in risalto il fatto che il tesoro del Milan sono i suoi tifosi: 40 milioni di euro nelle casse milaniste da tutte le partite casalinghe del Diavolo in questa stagione significano che i tifosi credono nel nuovo corso della società e sanno che la costruzione di una grande squadra non si può fare in un solo anno. Gattuso è l’uomo giusto al posto giusto”.

Quale giocatore del Milan l’ha delusa di più in questa stagione?

“Mi aspettavo molto di più da Kalinic e André Silva. Tenendo conto di quanto è stato pagato, non pensavo che, superato il primo periodo di ambientamento, il portoghese potesse incontrare così tanti problemi. Per fortuna del Milan c’è stata l’esplosione di Cutrone che sarà un punto fermo dei rossoneri nella prossima stagione”.