ESCLUSIVA MN - Maniero: “A Bergamo arriverà un Milan nuovamente big. Tenere fuori Rebic è difficile. Su De Ketelaere..."

19.08.2022 15:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA MN - Maniero: “A Bergamo arriverà un Milan nuovamente big. Tenere fuori Rebic è difficile. Su De Ketelaere..."
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Filippo Maniero, doppio ex di Milan e Atalanta, ha parlato ai microfoni di MilanNews.it in vista della sfida tra orobici e rossoneri in programma domenica 21 agosto alle 20.45 al Gewiss Stadium di Bergamo

Maniero, che Milan si presenterà a Bergamo?
“Un Milan estremamente cresciuto negli ultimi anni. Ha ritrovato la dimensione della grande squadra, ha vinto uno Scudetto meritandolo e sembra non abbia alcuna intenzione di allentare la presa. L’esordio con l’Udinese è stato molto convincente, al di là dei gol presi la squadra è stata travolgente dalla metà campo in su. Pioli ha avuto le risposte che cercava”.

Oggi come oggi è difficile tenere fuori uno come Ante Rebic?
“Probabilmente sì. In ogni caso in un contesto come il Milan c’è bisogno di tutti. Difficile parlare di titolari e riserve perché ognuno dei calciatori sa che dovrà farsi obbligatoriamente trovare pronto. Proprio la disponibilità di ogni calciatore è stato il punto di forza del Milan nella scorsa stagione. Nessun muso lungo e grande professionalità. Lo spogliatoio rossonero è stato impeccabile”.

Cosa dovranno temere i rossoneri dell’Atalanta?
“Non è l’Atalanta degli anni scorsi ma è comunque una squadra temibile con tante buone individualità. Ha perso elementi chiave delle ultime stagioni ma in casa, solitamente, sa esprimersi a grandi ritmi”.

Quanta curiosità c’è nel vedere all’opera con continuità Charles De Ketelaere?
“Tanta perché le aspettative su questo ragazzo sono alte. Addirittura c’è chi lo ha paragonato a Kakà e, per questo motivo, la curiosità cresce. Starà a questo ragazzo dimostrare le sue qualità e al Milan aspettarlo”.

De Ketelaere, Adlì, Pobega. Tanti giovani pronti ad inserirsi. San Siro potrà essere un alleato o un ostacolo per loro?
“E’ sempre una cosa molto soggettiva. Dipenderà molto dal loro carattere, c’è chi si fa scivolare tutto alle spalle, chi soffre al primo passaggio sbagliato e chi si esalta con il pubblico. Indossare la maglia del Milan è di per sé una grande responsabilità e se questi ragazzi sono stati scelti vuol dire che le prerogative ci sono tutte”.

Milan squadra favorita per lo Scudetto?
“Ogni stagione cambiano le dinamiche. I rossoneri hanno tutte le carte in regola per stare lassù e lottare ma squadre come Inter e Juventus faranno la loro parte. Occhio anche alla Roma che ha fatto una campagna acquisti di ottimo livello”.

Intervista di Peppe Gallozzi