MN - Fallimento Jie Ande: vecchio asset che Mr. Li non curava più. Da Elliott sostegno al club

21.03.2018 16:20 di Antonio Vitiello Twitter:    vedi letture
MN - Fallimento Jie Ande: vecchio asset che Mr. Li non curava più. Da Elliott sostegno al club
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

L’inchiesta odierna del Corriere della Sera sulle proprietà del patron del Milan, Yonghong Li, ha preso in esame il fallimento, secondo il tribunale del popolo di Shenzhen, della “Jie Ande”, definita “la cassaforte” del proprietario del club rossonero. Secondo quanto appreso da MilanNews.it invece l’azienda “Jie Ande” era un vecchio asset che Yonghong Li aveva stralciato dalle garanzie già molto tempo fa, consapevole della poca consistenza. Un’azienda dunque lasciata morire appositamente perché poco produttiva, ma di certo non “la cassaforte” di Mr. Li. Tra l’altro questa società è stata poi rimpiazzata con altri asset, utilizzati per gli aumenti di capitale dei mesi scorsi, in particolare da luglio scorso ad oggi. In sostanza se YongHong Li non avesse avuto altri asset produttivi, non avrebbe potuto sostenere le spese di gestione da luglio ad oggi, parte del mercato e gli aumenti di capitale.

Tra l’altro il fallimento di questa azienda non ha alcun effetto sul Milan, la società rossonera continuerà la sua normale attività senza ripercussioni. Anche perché alle spalle di tutto c’è la garanzia del fondo Elliott, compagnia internazionale che potrebbe affiancare l’amministratore delegato Marco Fassone nell’incontro con l’Uefa proprio per lanciare un ulteriore messaggio di stabilità. Inoltre, in caso di necessità, da qui a giugno, potrebbe anche fornire al Milan un altro prestito da 30-35 milioni, al momento non ancora richiesto né dalla proprietà né dal club stesso.

di Antonio Vitiello