Sassuolo, da Boga a Demiral. La società punta sui giovani talenti

12.12.2019 23:12 di Pascal Desiato   Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com

Il Sassuolo allarga i propri orizzonti. I neroverdi nell'ultimo anno e mezzo hanno cambiato strategia, abbandonando la formazione autoctona dei suoi primi anni in Serie A, con tantissimi italiani in rosa e gli stranieri che si contavano sulle dita di una mano. Il Sassuolo ha deciso di allargare i proprio confini, andando a ingaggiare dal Chelsea, un anno e mezzo fa, un giovane talento come Jeremie Boga o un anno fa come Merih Demiral. Non solo giovani talenti italiani, che restano la base del progetto (dal terzino classe '99 Alessandro Tripaldelli al centravanti classe 1999 Gianluca Scamacca, dal centrocampista Manuel Locatelli, classe '98, al difensore Filippo Romagna, nato nel '97) ma anche calciatori giovani o già pronti, provenienti dall'estero.

Il Sassuolo è andato a pescare all'estero, provando a rivitalizzare Jeremy Toljan, alcuni anni fa nel mirino dei big club nostrani oppure è andato a ingaggiare un giovane talento turco in Austria come Mert Muldur. Ma non solo. Ingaggiando il difensore Marlon, un anno fa, il club neroverde ha allacciato i rapporti con il club catalano, un rapporto rinsaldato in seguito con la visita dei dirigenti catalani al Mapei Stadium e i primi sondaggi per Stefano Sensi e i primi occhi posati sull'allenatore Roberto De Zerbi. In estate nessun affare ma i dirigenti di Sassuolo e Barcellona ieri si sono incontrati a Milano e hanno rafforzato ancora di più l’amicizia e il legame tre i due club.

Le parti hanno anche parlato di alcune possibili sinergie soprattutto sui giovani per il prossimo giugno. La società catalana ha dato priorità al Sassuolo sui giovani talenti della loro rosa e allo stesso tempo ha chiesto di avere la priorità sui giocatori neroverdi che possono eventualmente interessare in futuro. Si è parlato in particolare di Jeremie Boga, esterno d'attacco classe '97 cresciuto molto in questa stagione e appetito dai grandi club. Si è parlato anche dei giovani della florida cantera catalana (chiedere per informazioni all'Inter di Antonio Conte) e la scorsa estate era circolato il nome di Oriol Busquest, ma il Sassuolo aveva già ingaggiato Obiang e con la presenza di capitan Magnanelli il ruolo era già coperto. Il Sassuolo torna a riassaporare l'Europa, valicando i confini italiani grazie all'asse con il Barcellona. Altro segnale della strategia vincente del club neroverde. Per un progetto che continua.