La Giovane Italia - Alessandro Sala, un taglio da Scudetto

02.04.2020 19:22 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
La Giovane Italia - Alessandro Sala, un taglio da Scudetto

Il Milan Primavera attende solo la ratifica dei risultati dei campionati giovanili, per festeggiare a tutti gli effetti una promozione più che meritata al termine di una stagione di dominio assoluto nel campionato Primavera 2. Con 17 vittorie e 2 pareggi nelle diciannove gare stagionali, i rossoneri di mister Giunti hanno riconquistato immediatamente la massima serie perduta dopo un 2018/19 da dimenticare. Un cammino praticamente senza ostacoli, al quale ha dato un contributo sostanzioso uno degli elementi di spicco della “classe dei 2001”, l’ultima capace di aggiungere un titolo alla bacheca rossonera.

Taglio da Scudetto - Oltre ad essere uno dei profili in rampa di lancio dal vivaio rossonero, Alessandro Sala è anche la soluzione del Contest LGI di questa settimana. È proprio il centrocampista 2001 quello che, come suggeriva l’indizio social di Filippo Galli, per festeggiare la conquista dello Scudetto Under 16 decise di rasarsi i capelli a zero. Una gioia che valeva bene un taglio netto, dopo l’esaltante 5-2 col quale i ragazzi di mister Lupi riuscirono a superare la Roma nella finalissima per il titolo 2017, il primo della neonata categoria. Alessandro mise la firma sul gol decisivo nei quarti di finale contro l’Atalanta, contribuendo a quella che rimane fin qui la gioia più grande della sua carriera giovanile. Cresciuto tra Sesto San Giovanni e Cusano Milanino, Sala è uno dei tanti prospetti arrivati al Milan dopo l’anticamera nel Cimiano, storica scuola calcio della galassia rossonera che ha proiettato verso il Vismara tanti giovani di belle speranze. Un trampolino di lancio che Alessandro si augura di rivivere magari già la prossima estate, con il salto nel calcio professionistico che chiuderebbe il cerchio dopo l’ottima stagione disputata con la Primavera. Per lui 4 gol segnati nelle 18 presenze in campionato, in un 2019/20 iniziato con la convocazione in prima squadra per il ritiro precampionato e completato con la promozione in Primavera 1, ottenuta con quattro turni di anticipo.

Double face - Centrocampista capace di sdoppiarsi con pari efficacia nelle due fasi di gioco, Sala può contare su un buon bagaglio tecnico e su un tempismo innato negli inserimenti, dote che lo rende una minaccia non da poco in zona gol. Allo stesso tempo, però, Alessandro sa anche sacrificarsi in ripiegamento, facendo legna quando serve grazie a una determinazione che lo porta a dare sempre il massimo, senza mai risparmiarsi. Questo mix di caratteristiche spinge a scomodare un accostamento illustre, al profilo di un campione del mondo: quello di Marco Tardelli, che il 2001 rossonero ricorda per capacità di colpire nei pressi dell’area avversaria e per la grande intensità in mezzo al campo. A volte persino troppa, considerando che l’eccessiva irruenza gli porta ancora in dote qualche cartellino giallo di troppo. Struttura fisica e facilità di corsa ormai pronte per il salto tra i grandi, Sala compensa il gap di rapidità nel breve con una buona dose di forza specifica e con la spiccata capacità di lettura delle situazioni di gioco, che spesso gli consente di intuire la giocata con una frazione di secondo di anticipo. Carattere solare, che affronta il calcio con passione e grande cultura del lavoro, ma al tempo stesso con quel pizzico di spensieratezza che gli consente di non sentire particolarmente la tensione, Alessandro si è messo in mostra anche nelle giovanili azzurre e sta ormai studiando da grande. Con l’augurio che possa arrivare presto un altro taglio di capelli a zero, per festeggiare un nuovo traguardo della sua carriera.

Scopri la scheda di Alessandro Sala e quelle degli altri giovani talenti rossoneri sull’Almanacco 2020 

Scopri i rossoneri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI