Gazzetta - Milan-Ibrahimovic, stop in attesa della sentenza Uefa. Inoltre Ibra rallenterebbe il progetto giovani

06.12.2018 08:00 di Salvatore Trovato  articolo letto 38008 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport
Gazzetta - Milan-Ibrahimovic, stop in attesa della sentenza Uefa. Inoltre Ibra rallenterebbe il progetto giovani

Sembrava tutto fatto (o quasi). Era solo questione di tempo, dicevano le indiscrezioni. Invece, un po’ a sorpresa, la trattativa per il ritorno a Milano di Ibrahimovic ha subito una brusca frenata. L’operazione non è ancora tramontata del tutto, ma in via Aldo Rossi - scrive La Gazzetta dello Sport - si sarebbe accesa qualche spia nelle ultime ore. Tradotto: i vertici di via Aldo Rossi non sarebbero più così convinti della bontà dell’affare.

DUBBI E UEFA - L’arrivo di Ibra - osserva la rosea - potrebbe porre un freno alla crescita di Cutrone e in generale rallentarebbe il progetto giovani che la società ha in mente. Lo svedese accetterebbe un contratto di sei mesi, ma è convinto di poter strappare il rinnovo per un’altra stagione. Con Higuain l’attacco sarebbe sistemato per un campionato e mezzo, ma due centravanti di più di trent’anni viaggerebbero in direzione opposta allo svecchiamento del gruppo. Inoltre, in vista del verdetto UEFA, il Milan intende muoversi sul mercato a fari spenti per non destare l’attenzione di Nyon. In realtà l’operazione Ibrahimovic non comporterebbe spese folli, ma Zlatan resta una figura ingombrante e avvicinarsi alla sentenza con lui a bordo potrebbe essere controproducente.

FRENATA NETTA? - Ma c’è dell’altro. Alcuni segnali fanno pensare che la frenata sia netta e che sia stato lo stesso Ibra - intenzionato a rispettare il contratto che lo lega ai Galaxy fino al 31 dicembre 2019 - a stoppare le trattative. Zlatan e la famiglia si sarebbero abituati alla vita in California e starebbero valutando la possibilità di restare negli Stati Uniti. Per quanto riguarda l’entourage dell’attaccante, invece, non ci sarebbe stato alcun cambio di marcia.