Lo strappo di Biglia e l'obbligo di intervenire a gennaio: Paredes il profilo ideale per rilanciare il Milan

10.11.2018 14:00 di Matteo Calcagni Twitter:   articolo letto 28245 volte
© foto di Federico Gaetano
Lo strappo di Biglia e l'obbligo di intervenire a gennaio: Paredes il profilo ideale per rilanciare il Milan

Che l'infortunio di Lucas Biglia fosse grave lo avevamo già intuito la scorsa settimana, quando l'argentino si era presentato in stampelle a San Siro. L'ex Lazio dovrà restare fuori per quattro mesi, ovvero fino a marzo, quando la stagione sarà nel suo culmine. Il Milan aveva numeri contati in mediana anche prima dello stop del classe '86, tanto che si caldeggiava un rinforzo a gennaio a prescindere. Adesso l'acquisto non è solo consigliato, ma sostanzialmente obbligato.

NUMERI CONTATI - Ad oggi, dietro ai "titolari" Kessie, Bakayoko e Bonaventura (che sta vivendo anch'egli problemi fisici), ci sono soltanto Bertolacci, Mauri e Montolivo, che in tre hanno raccolto soltanto 161 minuti in tutta la stagione. Probabilmente da qui a gennaio vedremo un maggiore utilizzo di alcuni di loro, soprattutto dell'ex genoano, ma l'impiego fin qui col contagocce (o inesistente nel caso di Montolivo) è un segnale abbastanza chiaro sulle idee di Rino Gattuso. Inevitabilmente ci si dovrà attendere una rapida crescita di Bakayoko, ormai titolare fisso ed obbligato: il francese dovrà giocare tutte le partite da qui a gennaio, stesso discorso per Kessie che è sempre più insostituibile.

GLI ACCOSTAMENTI - La speranza è che il Milan possa trovare un rinforzo idoneo nel mercato di gennaio, sebbene non sia ancora chiaro quante disponibilità avranno Leonardo e Maldini. Leandro Paredes, accostato al Milan con insistenza nelle ultime settimane, rappresenta probabilmente il profilo perfetto per sostituire Biglia e diventare, nel presente e nel futuro, un titolare rossonero. Per acquistare l'argentino dallo Zenit servirebbero una trentina di milioni, non di certo una piccola spesa, ma l'investimento sarebbe a lungo termine vista l'età del ragazzo, ventiquattro anni compiuti lo scorso giugno. Aaron Ramsey, altro nome in orbita milanista, è probabilmente più fattibile di Paredes (contratto in scadenza a giugno), ma le sue caratteristiche sono leggermente diverse da quello che servirebbe al Diavolo nell'immediato. Eppure anche il gallese sarebbe un rinforzo importantissimo, per un reparto che avrebbe bisogno di una profonda ristrutturazione perché il Milan possa compiere il tanto atteso salto di qualità.