MN - Rifinanziamento del debito con Elliott: gli aggiornamenti sulla trattativa con Highbridge

 di Pietro Mazzara Twitter:   articolo letto 38557 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
MN - Rifinanziamento del debito con Elliott: gli aggiornamenti sulla trattativa con Highbridge

A 72 ore dalla scadenza del mandato di esclusiva con la società BGB Weston, emerge in maniera piuttosto chiara la situazione relativa alla trattativa tra il Milan ed il fondo Highbridge, che si è detto interessato a rifinanziare il debito che il club di via Aldo Rossi ha contratto con Elliott in sede di closing. All’attenzione dell’ad milanista Marco Fassone e della Chief  Financial Officer Valentina Montanari è giunta la proposta ufficiale di Highbridge, che verrà analizzata nel dettaglio nel corso di un meeting che si terrà in Cina durante la pausa del campionato al quale parteciperanno anche il presidente Li Yonghong e il direttore esecutivo David Han Li. Non essendoci una spada di Damocle temporale che imponga alla dirigenza rossonera di decidere in tempi brevi – il prestito con Elliott scade ad Ottobre - ecco che sta prendendo corpo lo scenario che vede scadere l’esclusività della trattativa con Highbridge (che rimane fortemente interessato all’operazione) per vedere se altri soggetti - alcuni dei quali hanno preso informazioni proprio nelle ultime otto settimane - si paleseranno al soglio milanista con proposte alternative o condizioni più vantaggiose rispetto a quelle proposte dal fondo anglo-americano.  La decisione finale, verrà presa in primavera, precisamente entro il mese di aprile, quando il Milan si presenterà davanti all’Uefa per la sottoscrizione del settlement agreement. Prima di andare a Nyon, dunque, la questione legata al rifinanziamento verrà risolta visto che anche la stessa federcalcio europea aveva espresso i suoi dubbi in merito nella sentenza di rigetto della domanda di voluntary agreement avanzata da Fassone.