ESCLUSIVA MN - Tecca: "Chi va in campo deve dimostrare di essere da Milan. Pioli potrebbe provare soluzioni nuove"

11.04.2022 16:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Fonte: Intervista di Giuseppe Gallozzi
ESCLUSIVA MN - Tecca: "Chi va in campo deve dimostrare di essere da Milan. Pioli potrebbe provare soluzioni nuove"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Il noto giornalista di Sky Sport Massimo Tecca ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per parlare dell’attualità rossonera e non solo in vista di Milan-Genoa di venerdì 15 aprile alle 21.00

Milan in mini-crisi dopo questi due pareggi consecutivi con Bologna e Torino?

“No, ma bisogna cercare qualcosa di diverso. Non è un caso che entrambe le partite siano terminate 0-0, gli attaccanti non riescono ad incidere come facevano prima”.

Che spiegazione potrebbe esserci?

“Giroud si ostina a sfondare centralmente, Ibrahimovic è alle prese con infortuni, altri non sono brillanti. Servono soluzioni nuove, i tiri che vengono creati dai rossoneri non sono mai pericolosi. Chi fino a questo momento si è fatto apprezzare meno in zona gol, centrocampisti ma anche difensori, deve prendersi più responsabilità”.

Quanto stanno incidendo gli infortuni?

“Tantissimo. Quelli di Torino, Ibrahimovic, Rebic, Bennacer e Castillejo sono stati inaspettati. E sono andati ad aggiungersi a quelli già noti di Florenzi e Romagnoli. Detto ciò chi va in campo ed è un giocatore da Milan lo deve dimostrare, i punti deboli esistono conta saperli superare”.

E’ adesso che deve emergere il talento di un giocatore come Leao?

“Ha dimostrato fin qui di avere numeri da gran giocatore ma si spegne e si accende con troppa difficoltà. E’ un elemento che deve essere sempre spronato a fare il meglio. Per rendere l’idea, parte e semina il panico ma poi non finalizza come dovrebbe. A Torino è capitato che sbagliasse l’ultima scelta dopo una preparazione da campione. Se cresce sotto questi aspetti, ed emerge nelle difficoltà, allora sarà veramente maturo”.

Vede Stefano Pioli un po’ in difficoltà?

“No, in quanto sta continuando a gestire i problemi così come gli sono arrivati mostrando grande lucidità. Sono i giocatori che devono dare qualcosa in più. Il tecnico, adesso, potrebbe provare nuove soluzioni per cercare sotto il piano della manovra di cambiare qualcosa e portare in zona gol più elementi possibili”.

L’Inter è realmente favorita adesso?

“Non abbiamo elementi per dirlo, sono mesi che ci trastulliamo con questo giochino. Anzitutto non facciamo l’errore di pensare che il recupero con il Bologna sia già vinto. Il calendario mette di fronte delle insidie ogni settimana e, quasi sempre, emergono delle sorprese”.

Tutto come prima?

“Milan e Inter un po’ più avanti rispetto al Napoli, ma questo campionato sembra fatto proprio per smentire i pronostici”.