Baresi: "Far parte del Milan è un privilegio. La squadra di oggi ci dà fiducia per il futuro"

13.05.2021 17:24 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Baresi: "Far parte del Milan è un privilegio. La squadra di oggi ci dà fiducia per il futuro"
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Franco Baresi, leggenda rossonera e attuale vicepresidente onorario del club di via Aldo Rossi, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in esclusiva a Skril: "Penso che l'obiettivo del Milan sia tornare in Champions dopo tanti anni fuori da questa competizione. La squadra sta facendo una buona stagione, siamo terzi in classifica, tocca a noi, questo è il nostro obiettivo e dobbiamo centrarlo".

Ora sei il Vice Presidente Onorario del club da quasi sei mesi, potresti spiegare ai fan cosa comporta il tuo ruolo e cosa significa per te far parte della dirigenza senior del club?
"Far parte del Milan è una responsabilità, un privilegio. Dopo la mia carriera in campo ho fatto molta strada: ho ricoperto ruoli diversi e ora sono molto orgoglioso di essere Vice Presidente Onorario. Negli anni ho imparato cosa significa stare dietro una scrivania cercando di diffondere i valori di appartenenza che da sempre sono fondamentali per questo club".

Sei stato un ambasciatore del club per un po' di tempo. In che modo ritieni di poter influire sul futuro del club negli anni a venire in questo nuovo ruolo di vicepresidente onorario?
"Credo che la mia esperienza possa essere un valore aggiunto nelle dinamiche del club oltre che nelle cose che ho imparato negli anni e ora posso fare la mia parte anche da dirigente".

Sei famoso per essere uno dei migliori giocatori non solo nella storia del Milan, ma anche nel calcio. Quali aspetti del gioco e dell'influenza del calcio in campo hai portato a lavorare dietro le quinte e influenzare il calcio fuori dal campo?
"La mia pluriennale esperienza in campo mi ha aiutato a valutare meglio la partita, a consigliare come comportarmi in ogni situazione, nel bene e nel male, in caso di vittorie e sconfitte. Penso che sia quasi lo stesso tipo di responsabilità che hanno i calciatori quando indossano la maglia del Milan".

Hai giocato 196 partite al fianco di Paolo Maldini come difensore centrale del Milan, subendo solo 23 gol. Come ritieni che questo legame e questa partnership con Paolo in campo abbia giovato a lavorare con lui ora?
"Abbiamo giocato insieme per molti anni e ci conosciamo da quando ha debuttato quando aveva 16 anni. Sono molto felice che la nostra relazione esista ancora oggi. Entrambi continuiamo a lavorare per il Milan ed entrambi metteremo a disposizione del club tutte le nostre conoscenze e competenze".


Da quando sei in campo, come hai visto cambiare il calcio? Come avresti dovuto adattare il tuo gioco ai giorni nostri?
"Ho sempre pensato al calcio come a un gioco propositivo, un gioco che emoziona le persone. Eppure il calcio esternamente è cambiato, soprattutto l'approccio ai media e l'approdo dei social network. Ho sempre pensato che bisogna dare ai ragazzi la gioia di poter imitare i loro campioni preferiti. I calciatori dovrebbero sempre tenere a mente la responsabilità che hanno quando giocano.

Se ci fosse un giocatore che ti piacerebbe vedere firmare il Milan in estate se soldi e disponibilità non fossero un problema, chi sarebbe?
"(Ride) Facciamo una commedia fantasy: Mbappé. Penso che sia un giocatore straordinario. È giovane e sta facendo cose straordinarie. Ha forza, qualità e gioca in modo moderno".

Guardando la squadra di oggi, quali sono i giocatori migliori per te? E qual è Zlatan Ibrahimovic nelle tue valutazioni dei grandi del calcio?
"La squadra di oggi sta cercando di sorprendere e non deludere le aspettative. È un gruppo che quest'anno si sta comportando ad alti livelli e ci dà fiducia per il futuro. Zlatan è ai vertici del calcio; è una leggenda. Credo che negli ultimi 10 anni sia stato uno dei migliori giocatori per qualità e personalità. E non ci sono dubbi su questo".