Milan: primo tempo da salvare, ma il problema è di testa

21.10.2019 08:24 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Milan: primo tempo da salvare, ma il problema è di testa

E’ stato un Milan a due facce quello visto ieri sera a San Siro nella gara d’esordio di Stefano Pioli. Una squadra aggressiva, convinta e determinata nel primo tempo, in cui ha messo alle corde il Lecce creando anche tante occasioni da gol. E forse difettando proprio nel non riuscire a chiudere la partita. Infatti nella ripresa è sceso in campo un altro Milan, più lento e meno ordinato, distratto nei momenti chiave della sfida contro i ragazzi di Liverani. Il gol del pareggio arriva per un fallo di mano di Andrea Conti in area di rigore, e anche la rete del 2-2 finale deriva da passaggi sbagliati di Suso e Biglia, due dei giocatori più bersagliati e sotto la lente della critica. La verità è che questa squadra è fragile mentalmente, va in ansia quando il match si fa difficile e quando non gli riescono le giocate. Un Milan che ha subito due gol da una squadra neopromossa e che ha totalizzato solamente 10 punti in 8 partite. "Meritavamo di vincere – ha affermato il tecnico rossonero alla fine della partita -, non abbiamo ottenuto i tre punti solo per demerito nostro. E' mancata attenzione e collaborazione sul loro secondo gol. E' un peccato. Ho visto tante cose positive nella nostra gara. Il nostro spirito, la generosità e le qualità sono state di buon livello, poi ci sono alcune cose che non mi sono piaciute. Il pareggio non dà comunque merito alla prestazione della squadra". Dello stesso avviso anche Rade Krunic, entrato nella ripresa: “Abbiamo fatto una grande partita, soprattutto nel primo tempo, ma dovevamo chiuderla prima. Ci siamo abbassati un po' e abbiamo preso due gol. Abbiamo fatto una bella partita, anche i tifosi si sono divertiti. Ci è mancata un po' di fortuna per portare a casa i tre punti".